Mtv: meno musica, più telefilm

By on novembre 13, 2010

Sono ormai lontani gli anni in cui Mtv era un canale tematico musicale. Adesso videoclip e concerti sono  sempre più rari e il suo palinsesto è tutto un pullulare di reality show, sitcom e telefilm. Non tutti questi programmi sono degni di nota e meritevoli di attenzione, ma a volte è possibile incappare in qualche bella sorpresa. E proprio questa settimana Mtv lancia due novità interessanti. Debuttano, infatti, in anteprima assoluta,  The inbetweeners (alle 22 ogni Giovedì, trainato dalla terza serie di Greek- la confraternita, anche questa ineditae Dead set (alle 23:30 di Venerdì). Entrambe sono anglosassoni e rivolte ad un pubblico adolescente; ma, se la prima, dopo numerosi premi e riconoscimenti, è già giunta alla terza serie (in America ne stanno facendo un remake come era successo a Queer as folk), la seconda è per ora ferma ad una miniserie di soli 5 episodi.

Entrando nello specifico,  The imbetweeners (che in inglese significa “coloro che stanno in mezzo”, ndr) racconta di un gruppo di adolescenti nè ricchi nè muscolosi ma, al contrario, imbranati, bugiardi e timidi, alle prese con le difficoltà della loro età. L’idea non è di certo nuova, sia nella struttura che nel contenuto, ma i personaggi raccontati sono talmente normali nelle loro caratteristiche, talmente lontani dagli stereotipi a cui normalmente siamo abituati,  da risultare quasi veri.

Ancora più interessante, infine, è la formula di Dead set che mira a combinare divertimento e paura in un unico prodotto. Simpatica l’idea di base: è l’ultima puntata del Grande Fratello ma fuori la casa impazza un’ epidemia che ha invaso la terra e trasformato tutti in zombie. Meglio restare in onda o scappare? E che cosa succede se i morti viventi, assetati di sangue, invadono la casa? Splatter, divertimento e un pizzico di intelligente critica sociale non mancano in questa piccola serie godibile e fuori dal comune. Afferma il creatore della serie Charlie Broker : “Ne L’alba dei morti viventi, che tutto sommato è stato un modello per noi, c’era un ovvio sottinteso satirico. Vorrei poter dire lo stesso della mia serie, anche se per la maggior parte di tempo i miei spettatori diranno ‘Aiuto! Arrivano gli zombie!'”.

About Giordano Bassetti

Nato a Napoli nel 1982 è Laureato al DAMS di Roma. Nel 1995 ha intrapreso la carriera di attore ed è entrato a far parte della nota compagnia teatrale di Carlo Buccirosso. Nel 2008 ha diretto il cortometraggio dal titolo "Chissà come si divertivano"; nel 2009 "Il secchione" e nel 2010 "San Valentino". Ama scrivere ed ha pubblicato nel 2007 il libro "Queer tv".

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *