Clerici VS Parodi: chi la spunterà?

By on novembre 19, 2010

Tutti lo pensano, ma ancora nessuno osa affermarlo. Ogni giorno siamo dilaniati da un dilemma, o meglio da una scelta: Rai Uno o Italia Uno, Pubblico o Privato, “Casa Clerici” o “Cotto e Mangiato”, Clerici o Parodi, Bionda o Mora, Neo-mamma o Mamma collaudata? Sembrano i dubbi di chiunque si cimenti nel dare la risposta alla domanda: “A chi dobbiamo l’originalità?”

La sfida tra le reti tv è sempre aperta tuttavia, appena l’ una rispetto all’altra sembra far breccia nell’interesse del piccolo, ingenuo e curioso telespettatore, l’agone non si sviluppa alla ricerca del contrasto e all’innovazione del prodotto, ma ad una più ardua, nonché raffinata, rielaborazione della stessa idea, nella speranza che non si arrivi ad un’accusa di plagio o una violazione di copyright, ma bensì ad un picco dello share!

Se si trattasse di economia, si otterrebbe un applauso: un’idea per due produzioni, chi potrebbe chiedere di meglio? Ma il nostro piccolo, ingenuo e curioso telespettatore non è sciocco e si accorge di ciò che è lampante. “Casa Clerici” non è altro che una buona rielaborazione di “Cotto e Mangiato”: La mamma ai fornelli; La mamma non cuoca, ma “casalinga-lavoratrice” e lo stress delle due povere conduttrici; La cucina di una casa qualunque con riflettori e  microfoni.

Dopo tutto chi di voi non può vantare di trovare nel proprio frigo, le mele già tagliate e pesate, le olive snocciolate, sgocciolate dal barattolo di latta e riposte in quello di vetro, il filetto pulito e rifilato; o chi di voi non è costretto a passare dal piano di lavoro ai fornelli, dribblando atleticamente il cameraman, che deve documentare ogni passaggio; ma soprattutto chi di voi non si dimentica di chiedere ad “Anna” di assaggiare?

Ma la cosa che ognuno di noi non scorda di fare nel momento in cui gli albumi stanno montando, è quella di chiedere il passaggio d’ inquadratura dal frullatore alla copertina del libro che è stato “interamente scritto” di proprio pugno; “quando” non è dato saperlo e che ormai è all’ennesima ristampa! Succede in ogni cucina italiana, ma vorrei osare di più… forse anche in quelle europee!

Dunque si evince una sfida a tutti gli effetti: l’affettuosa imbranataggine di Antonellina in opposizione alla dolcezza di Benedetta, ma come in tutte le battaglie non ci sono nè vincitori nè vinti, solo il campo da ripulire, tuttavia né l’una né l’altra credo armeggino con abilità il mocio, visto che non è assimilabile  ad una mezzaluna, né ad una alzatina su cui, posata la portata e assaggiandola, si esclami <<Cotto e Mangiato>>. Poco importa perché, come tutti noi, anche loro, possono godere della preziosa opera di una squadra di pulizie che in 30 secondi rimette a nuovo il set!

About PierPaolo

Nel 2010 si avventura nella Redazione "Iene" di Mediaset. Tra il Giugno 2010 e l’Aprile 2009 collabora a diversi eventi con scopo benefico per “La città della Speranza” e per i bambini della Costa d’Avorio. Partecipa alla Giuria della manifestazione nazionale di “Miss Italia 2008”. Nel 2007 si laurea in Giurisprudenza e dal 2002 sfila come Modello per le scuderie di alcuni marchi dell’Alta Moda Milanese. Gli anni a precedere lo vedono impegnato come atleta in numerosi sport. Ironia, sagacia e curiosità lo contraddistinguono.

One Comment

  1. Pingback: Mistery Story: Non ci sono contenuti, per cui… cuciniamo! | Lanostratv.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *