Dopo la prima. Satisfaction 3° stagione

By on novembre 4, 2010

Ritorna anche in Italia la controversa serie australiana che ha per protagoniste sei escort di lusso che lavorano nel bordello 232 di Melbourne. Prodotta da Kim Vecera, Andy Walker e Showtime, e creata da Roger Simpson (Halifax, Homicide), Satisfaction (ogni Lunedì alle 23:15 – canale FOX Life) è arrivata con successo di pubblico e critica alla sua 3° stagione. La serie non è tanto interessata a mostrare il lato frivolo e “pruriginoso” del particolare lavoro delle ragazze, quanto a sfruttarlo come pretesto per scavare nella loro vita privata e soprattutto in quella dei clienti che, di volta in volta, raccontano la propria storia. Non aspettatevi, quindi, scene ad alto contenuto erotico o volgarità di basso livello, al contrario Satisfaction punta all’eleganza del linguaggio e allo spessore delle storie, che ne fanno un prodotto di fine manifattura.

Nel pilot della terza stagione varie vicende si intersecano tra di loro. Al centro abbiamo la proprietaria del bordello Mel (Madeleine West) alla ricerca di nuove ragazze da assoldare nel suo organico e alle prese con la sua relazione con Nat, escort anche lui, con il quale non riesce a lasciarsi andare. Poi c’è la squillo che non riesce più a far sesso perché il suo corpo lo rifiuta,  quella professionista che si sente minacciata dalle nuove reclute più giovani, e la nuova arrivata, studentessa, che alla fine dell’episodio darà i soldi guadagnati al padre per pagare il mutuo.

In questa serie australiana la finezza di regia e dialoghi è ammirevole ma a tratti un po’ eccessiva, tale da risultare pretenziosa. La trama si sviluppa in maniera chiara e senza sbavature, ma non mantiene sempre alto il pathos. In altre parole, l’episodio non decolla e si mantiene su un livello d’interesse medio stabile. Alcune vicende sono più interessanti di altre (la nuova arrivata, il suo rapporto col padre e soprattutto la rivalità con la collega più anziana) e non tutte le interpreti appaiono credibili. Il momento clou: Lo sguardo di un padre alla figlia studentessa, che improvvisamente torna a tarda notte e porta i soldi a casa, è un misto di emozioni che rimangono impresse nella mente.

About Giordano Bassetti

Nato a Napoli nel 1982 è Laureato al DAMS di Roma. Nel 1995 ha intrapreso la carriera di attore ed è entrato a far parte della nota compagnia teatrale di Carlo Buccirosso. Nel 2008 ha diretto il cortometraggio dal titolo "Chissà come si divertivano"; nel 2009 "Il secchione" e nel 2010 "San Valentino". Ama scrivere ed ha pubblicato nel 2007 il libro "Queer tv".

One Comment

  1. carmen

    dicembre 10, 2010 at 11:36

    Sembra molto carino…ma xkè tutte le serie migliori ormai sono soltanto su Fox….Per noi comuni mortali che ancora tentiamo di resistere alla pay tv non si può far nulla?!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *