Io Canto torna a farsi sentire

By on novembre 13, 2010
Gerry Scotti Io canto

Dopo settimane di sconfitte, Io Canto è tornato a prevalere sugli avversari. A sorpresa ieri sera, nella  sfida con “I migliori anni” il competitor di Rai Uno guidato da Carlo Conti, il programma dei giovani canterini è riuscito a catturare 4.716.000 telespettatori con uno share del 20.40%. Il diretto avversario si è fermato, invece, a 4.515.000 telespettatori e uno share del 19.85%.  Il programma guidato da Gerry Scotti è stato animato da numerosi ospiti anche a livello internazionale come Kyle Lowder di Beautiful, sorprendente nella sua esibizione in “Con te partirò” (l’attore ha studiato come baritono, ndr). In giuria ieri sera si sono seduti anche Katia Ricciarelli e due esperti di talent come Garrison Rochelle e Alessandra Celentano. A duettare con gli under 16 ci hanno pensato Cesare Cremonini e per la terza volta Lola Ponce.Invece il programma ideato e condotto da Carlo Conti ieri vedeva ospiti Romina Power, l’attore Patrick Duffy (Bobby in Dallas), Michele Placido, Little Tony e i Matia Bazar. Per la prima volta si è visto sconfiggere, dopo aver dominato nelle precedenti sfide del venerdì sera.

Un successo meritato dello show che è stato definito come uno dei migliori mai realizzati da Canale 5, sicuramente migliore rispetto ad altri talent per giovanissimi: i bambini sono più preparati, lo studio luminoso e pieno di led riesce a rendere perfettamente l’atmosfera suscitata dalle canzoni in gara, la regia di Roberto Cenci è impeccabile e gli ospiti sono sempre di più a livello internazionale. Il programma ha sofferto sicuramente la collocazione autunnale, che vede in programmazione anche l’altro baby talent della Rai “Ti lascio una canzone“, nonostante le accuse di plagio del format (che in realtà è stato creato proprio da Roberto Cenci), ha cercato comunque di diversificarsi, proclamando vincitore uno dei bambini e non la canzone.

About Matteo Pagano

Nato a Casarano (Lecce) nel 1990, è il più giovane tra i Redattori. Frequenta nel Salento la Facoltà di Scienze della Comunicazione, si definisce socievole, ironico e simpatico. Non ha peli sulla lingua, non sopporta l'ipocrisia, ama scrivere ed ascoltare musica. La sua passione è esplosa al Liceo quando gestiva un giornalino di classe. Ha collaborato con giornali online di universitari e il suo rapporto con la tv è di amore-odio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *