La barbarica Daria Bignardi

By on novembre 18, 2010

text-align: center;”>

Eugenia, quarantenne in crisi, vittima di un incidente, innamorata di uno scrittore russo, in fuga per Londra. Una donna che scopre il suo talento di regista, che si vive la Milano più inn degli anni ’80 e che, non contenta, si trasferisce a New York. Questa donna ha Un karma pesante, come il titolo del secondo romanzo di Daria Bignardi, ora in libreria, e rappresenta l’alter ego della giornalista, scrittrice e conduttrice televisiva: un mix di tutte le donne – lei compresa – incontrate fino ad ora, comprese quelle che ha intervistato. E in occasione di questo viaggio nell’universo femminile, per Daria è tempo di bilanci..

Punta di diamante di La7 per i suoi ascolti record l’ultima puntata del talk “Le invasioni barbariche”, che ha visto ospiti Eugenio Scalfari, Vittorio Sgarbi e Neri Marcorè, ha registrato il 5,17% di share con più di 1 milione di telespettatori – la quasi 50enne Daria (49, per l’esattezza, e portati molto bene) vince una sfida dopo l’altra. Da quando abbandona il DAMS e si trasferisce a Milano per passare da una testata giornalistica all’altra, andando sempre più in alto. E a proposito di altezze, la Bignardi degli ultimi tempi sfoggia dei tacchi vertiginosi con assoluta nonchalanche, è una Donna (come il mensile che dirigeva) rinata e alternativa: intervista gli ospiti a cui offre una pinta di birra, porta in Italia il fenomeno del Grande Fratello (e a proposito di loook, indimenticabile il caschetto che sfoderava all’epoca) e proprio con questo chiacchierato reality vince il Telegatto come Miglior programma culturale, scatenando le ire di un furioso Alessandro Cecchi Paone.

Le invasioni barbariche, del resto, è diventato un appuntamento fisso: tra domande, approfondimenti e bevute a protagonisti della cultura, del costume e dello spettacolo, la giornalista nata a Ferrara ha saputo riportare in tv il fascino della chiacchierata piena di contenuto, con quel tono un pò sofisticato, che tanto si addice alla Bignardi. E il pubblico la premia, a dimostrazione che dopo l’infelice parentesi di un talk simile proposto la scorsa stagione su Rai Due – L’era glaciale, glaciale nel titolo e anche negli ascolti – le Invasioni di La7 sono tornate più acclamate di prima, ogni Venerdì sera in prima serata.

Moglie del figlio del compositore Giacomo Manzoni prima, poi del figlio di Adriano Sofri, Luca, Daria è in grado di saltare – con i suoi tacchi – dalle cose più sobrie, esilaranti e curiose (libri che parlano di sesso, il burlesque, duetti canori tra Marcorè e Morgan) a interessanti spazi di cultura, lei che nell’ambito ha vinto tanti premi. E come se non bastasse, per un breve momento, proprio Daria ha rappresentato uno dei più discussi sogni erotici: vi ricordate le confessioni di Filippo Nardi al Grande Fratello? Le manca solo un tassello: chissà se cederà alle provocazioni di cui parla la stampa e andrà a farsi intervistare – passando dall’altra parte della staccionata – dal collega-concorrente Fabio Fazio.

Magari in questi giorni, in occasione del nuovo libro?

About Andrea Dispenza

Nato a Genova nel 1984, è amante del mondo della televisione. Laureato in Scienze della Comunicazione, ha lavorato in radio e come ballerino. Si definisce solare e dinamico. Da giovane si è trasferito a Milano, ha lavorato in Uffici Stampa e come pubblico tv. Dopo si è trasferito a Roma per lavorare come critico giornalista nel settore dello spettacolo. Infine è emigrato di nuovo a Milano per lavorare in una Redazione di Cultura, Eventi e Tempo libero. Il suo sogno è di scrivere un libro.

One Comment

  1. Pingback: Lanostratv.it festeggia 1 mese: un successo di alta qualità | Lanostratv.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *