La7 canta Victoria?

By on novembre 15, 2010
victoriacabello

text-align: center;”>

È riuscita a finire sul palco di Sanremo, al fianco di un gorilla per uno spot televisivo, ha baciato George Clooney nei panni di una iena. Ha fatto innamorare il controverso artista Maurizio Cattelan e soprattutto ha fatto togliere quei goffi occhiali tondi ad Arisa. Victoria Cabello, ex valletta, ex veejay, ex fidanzata, con il suo Victor Victoria è riuscita a conquistarsi a pieni voti il titolo di reginetta del piccolo schermo. Regina senza corona, ma con delle scarpe mozzafiato ogni volta dal tacco altissimo, all’ultimo grido – e il grido, con la sua vocina, è ben riconoscibile – che quasi distolgono l’attenzione da quella frangetta che ancora, dopo anni, non ha deciso di levare.

Su La7, ogni Martedì, Mercoledì e Giovedì alle 23.55 circa niente è come sembra, come recita il sottotitolo del suo late-night show: Melissa P – new entry del programma – non è così graffiante come ci fa credere di essere nei libri, rimanendo seduta dietro ad una cattedra ad aspettare di smazzare il mazzo all’ospite di turno per leggergli i tarocchi. E nulla più.

Il braccio destro Geppi Cucciari – autrice di sondaggi assurdi e di battibecchi con i protagonisti, dall’accento sardo e spietato – migliora a vista d’occhio, rischiando addirittura di sembrare più divertente della padrona di casa. E Arisa, altra novità, in questa versione tutta di zucchero, dolce e sofisticata, chissà come, incanta ogni volta che apre bocca per intonare le versioni acustiche delle più impensabili melodie.

E Victoria? Accusata da Aldo Grasso di sembrare troppo ripetitiva, minacciata da Enrico Mentana che pretende il suo spazio per l’edizione della notte del telegiornale, l’ex icona di MTV subisce troppe pressioni e rischia di chiudere i battenti. In onda fino a Dicembre poi chissà, questo quello che si vocifera in giro, anche a causa dei pochi ascolti ottenuti.

Non è bastata una formula nuova del programma, che vuole giocare con due ospiti alla volta, tra domande più o meno serie. Non è servita Letizia Moratti che si confessa nel salotto, non è stato sufficiente il video che riprende Malika Ayane e Cesare Cremonini coronare il loro amore, non è bastato nemmeno il punzecchiamento ai Pooh sulla sfilza di domande personali – molto personali – a mo’ di “celo-manca” come si faceva con le figurine.

Nonostante il picco molto elevato di una settimana fa (il 3 novembre la trasmissione ha registrato il 4,43% di share, sfiorando il 7% all’una e mezza circa) per la Cabello è ancora presto per cantare Victoria. Staremo a vedere..

About Andrea Dispenza

Nato a Genova nel 1984, è amante del mondo della televisione. Laureato in Scienze della Comunicazione, ha lavorato in radio e come ballerino. Si definisce solare e dinamico. Da giovane si è trasferito a Milano, ha lavorato in Uffici Stampa e come pubblico tv. Dopo si è trasferito a Roma per lavorare come critico giornalista nel settore dello spettacolo. Infine è emigrato di nuovo a Milano per lavorare in una Redazione di Cultura, Eventi e Tempo libero. Il suo sogno è di scrivere un libro.

4 Comments

  1. franchina

    novembre 17, 2010 at 18:47

    Victoria è una delle poche ragazze che lavorano in Tv ad avere davvero talento (mia modesta opinione si intende!!!!!!!!!!!!!!!)

    • Federico

      novembre 19, 2010 at 14:09

      …anch’io ho la stessa modesta opinione di Franchina!
      Memorabili i suoi ospiti ai tempi di MTV … o meglio, quello che gli faceva fare!
      La Muti che rifà la scena di Flash Gordon, la Cabello stessa in un video-clip che canta in playback “Tomorrow” con Amanda Lear in studio, Filippo Timi … : “La Cabello è la donna che qualunque frocio vorrebbe essere!”

      Forse erano altri tempi(?).

    • Andrea

      novembre 19, 2010 at 14:11

      concordo! ma dovrebbe cambiare un po’ pettinatura…no?

  2. Andrea

    novembre 19, 2010 at 14:11

    “La Cabello è la donna che qualunque frocio vorrebbe essere!” ahahah mitico Filippo Timi! Grazie Federico per la citazione geniale!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *