X-nonsonodecollatoneanchequestanno-factor

By on novembre 23, 2010

Nathalie vince la quarta edizione di X Factor. Si chiude così il talent canoro targato Rai2, quest’anno caratterizzato da una media di ascolti  più bassa rispetto alle passate edizioni. Infatti solamente la prima puntata del 7 settembre totalizzò una media del 17.02% di share, dato che negli anni precedenti non è stato mai raggiunto. La puntata che ha toccato il picco più basso è stata quella di sabato 6 novembre con il 9,22%. Gli ascolti non sono stati esaltanti, e i giudici?

La punta di diamante è stato sicuramente Elio (senza le Storie Tese) che, con i suoi travestimenti e le sue celebri battute, si è portato a casa i favori del pubblico. Mara è sempre Mara, schietta, diretta, ma ormai anche le sue parolacce non fanno più notizia (ci siamo abituati anche a questo?, ndr). Enrico Ruggeri si è dimostrato un giudice serio, poco avvezzo alle polemiche e ai battibecchi, che abbiamo invece ritrovato nella puntata in cui si sono riuniti la Ventura, Morgan e Claudia Mori. Proprio in quell’occasione si è capito quanto Simona fosse importante in un programma, che fin dal suo abbandono, è risultato piatto e privo di colore. Anna-nazionalpopolare-Tatangelo ha perso tutti i suoi cantanti nel giro di poche puntate: infatti si è insinuato che il pubblico votasse contro la sua categoria per colpire Lei.

Questo dimostrerebbe che il televoto resta un mezzo con il quale il telespettatore premia il più simpatico e non il più bravo; pensiamo, tanto per fare un esempio plateale, ai vincitori di Sanremo 2010, Valerio-intuttiluoghintuttilaghi-Scanu, Emanuele Filiberto e Marco Mengoni, tutti nati in programmi a base di polemiche e televoto. Marco è la rivelazione di questi 4 anni di X Factor, l’ unico ad avere le carte in regola per rimanere nel panorama musicale italiano: ottime qualità canore, carisma, presenza scenica e pezzi che funzionano sia dal vivo che in radio. I vincitori delle altre due edizioni ve li ricordate? Aram Quartet, di cui abbiamo perso le tracce e Matteo Becucci, ora in teatro con Jesus Christ superstar nel ruolo di Giuda, ma di singoli in classifica nemmeno l’ombra, perché ricordiamocelo l’obiettivo di X Factor è quello di lanciare Popstar!

E’ stato questo il problema dell’edizione appena terminata: l’assenza quasi totale di talenti e voci che lasciano il segno, degne di nota solamente Manuela Zanier e Cassandra Raffaele, che si sono distinte, la prima per una forte tecnica vocale, la seconda per le capacità interpretative. Quest’anno si è puntato molto di più sui personaggi che sulle voci,  Nevruz in primis, urlatore indemoniato, presentato come l’artista maledetto, o Stefano, il ragazzo balbuziente, salvato, ovviamente dal televoto, ma eliminato prima di arrivare in Semifinale.

Di questa edizione appena finita ricorderemo i casi umani, le litigate e le riappacificazioni tra i ragazzi e i giudici (Dorina e la Tatangelo, per fare un esempio), e le frasi d’effetto della Signora D’alessio. X-nonsonodecollato-factor 4, segna il declino di un programma, dal punto di vista degli ascolti e dei talenti, un tramonto che non ha stupito nessuno, perché preannunciato già dalle altre edizioni, un format canoro dalle grandi speranze ma dai risultati poco soddisfacenti..

About Nicola Zamperetti

Nato a Valdagno (VI) nel 1978, da un decennio lavora nel mondo dello spettacolo come performer teatrale e attore. Ha partecipato a molti programmi come "Sarabanda" "Domenica In" "Carramba che fortuna"... Scopre l'amore per il teatro, soprattutto per i Musical (Grease,Il Ritratto di Dorian Gray e A Chorus line) e per le Fiction (La Ladra, Il Peccato e la Vergogna e Donna detective). E' cresciuto guardando la tv e si definisce figlio del tubo catodico. Promette di essere ironico, tagliente e cinico nei suoi Articoli.

2 Comments

  1. Luca Mastroianni

    novembre 24, 2010 at 15:47

    Non sono d’accordo col fatto che Marco Mengoni sia un TALENTO del panorama musicale italiano, ma ovviamente si tratta di punti di vista. Penso invece che sia vero che il televoto premi il più simpatico. Ricordo ancora alcune eliminazioni eccellenti nelle passate edizioni, soprattutto. La vittoria degli Aram Quartet a scapito di Giusy Ferreri ne è una dimostrazione. Ma qualcuno di qualità a X-factor è passato. Noemi, ad esempio, o anche lo stesso Matteo Becucci (che personalmente non mi piace, ma non si può dire che canti male).
    Credo anche che alla lunga, se non si trova qualche nuovo escamotage, questo tipo di show tenda a calare di ascolti. Ad Amici ad esempio, fa tanto audience il continuo battibeccare tra allievi e professori, ci sono più personaggi, e forse il talento è maggiore. Oltretutto i concorrenti hanno la stessa età dei telespettatori…
    Secondo me c’è bisogno di aria nuova…

  2. Nicola Zamperetti

    novembre 29, 2010 at 09:46

    Ciao Luca, la penso come te per quanto riguarda la Ferreri, Matteo non ho detto che canta male, semplicemente che sta facendo un lavoro che non gli compete, perchè arriva da un talent che lo ha lanciato come Popstar. Anche Noemi mi piace molto, per quanto riguarda gli ascolti, credo siano calati a sufficienza… Amici è una “nave inaffondabile”: i ragazzi di quest’anno mi sembrano talentuosi, ma ovviamente si favorisce lo spettacolo e i battibecchi… Aria nuova? assolutamente si!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *