Quarto grado dei record. Salvo Sottile è la nuova star del giornalismo

By on dicembre 11, 2010
Quartogrado

Cronaca, informazione e attualità. Il telespettatore, in questa stagione televisiva, dominata dall’omicidio di Sarah Scazzi e recentemente dalla scomparsa di Yara Gambirasio, sceglie di guardare principalmente questa tipologia di programmi, laddove il giallo fa da padrone. Trasmissione capostipite del genere è “Chi l’ha visto?” che fa proprio del giallo il segreto del suo successo. Alla trasmissione va il merito di avere “avviato” in modo mediatico una sorta di inchiesta (portata avanti di trasmissione in trasmissione in questi mesi) sulla vicenda Scazzi. Ad essere emersa in modo inaspettato (ma meritato) è stata però un’altra trasmissione che non va in onda in nessuna delle reti ammiraglie, ma accende il suo focolare di un nutrito numero di telespettatori sulla rete minore Mediaset, su Rete 4. Non importa dove un programma vada in onda e lo stesso Vieni via con me” ne è una testimonianza visto che su Raitre ha totalizzato oltre 9 milioni di telespettatori. La trasmissione di cui parlo è “Quarto grado” che è partita al suo esordio abbastanza in sordina per poi diventare un appuntamento fisso per il pubblico interessato alla cronaca, all’inchiesta, al giallo da svelare. Oltre alla trasmissione, la vera scoperta è proprio il conduttore, un bravissimo giornalista che si è fatto le ossa al Tg5 per poi passare a Sky. Lui è Salvo Sottile. Deciso, autoritario ma non troppo, professionale come pochi è riuscito nell’impresa di riuscire a farsi ascoltare grazie all’efficacia con cui si impone in video.

Ha fatto meglio di Alessio Vinci a “Matrix” che, dopo l’addio di Enrico Mentana (che era un pò l’anima di quel programma), non è riuscito a dare un’impronta alla trasmissione ormai orfana dell’attuale direttore del TgLa 7. “Quarto grado” conquista ascolti al di fuori del normale e molto al di sopra della media dei programmi che vanno in onda su Rete4, che molto spesso sono costretti ad accontentarsi delle briciole (tranne qualche film cult che non tramonta mai, come quelli con protagonisti Bud Spencer e Terence Hill). La stessa puntata di “Quarto grado” andata in onda ieri ha riscosso un enorme successo, portando la rete al 13,03% di share con 3.161.000 telespettatori e superando le serie tv in onda su Raidue, il film su Raitre e persino il programma condotto da Teo Mammucari, “The Call” che, fin dal suo esordio la scorsa settimana, si è rivelato fallimentare in termini di appeal sul pubblico.

A questo punto non sarebbe azzardato portare “Quarto grado” sulla rete ammiraglia Mediaset, visto il consenso crescente dei telespettatori. Non sarebbe nemmeno difficile immaginarne una possibile collocazione visto che “Matrix”, con la conduzione Vinci, non sembra avere del tutto centrato l’obiettivo. Salvo Sottile si impone come il nuovo giornalista di punta delle reti Mediaset?

About Giuseppe Marco

Autore, redattore, giornalista. In una parola "un creativo" della televisione. Si laurea in Scienze della Comunicazione. Al lavoro di analista tv, affianca la frequentazione del Master per autori tv e ha modo di studiare con E. Menduni e C. Freccero. Firma come autore due edizioni dell’Annuario della televisione e in seguito arriva l’esperienza con “Moltomedia”, il laboratorio creativo di Mediaset. Il suo “format crossmediale” viene selezionato dal team Mediaset come uno dei progetti vincitori e inizia il suo percorso di lavoro come autore, che porterà alla realizzazione di un prototipo del progetto. Attualmente lavora in trasmissioni televisive delle reti Mediaset.