Se l’America ha Glee, l’Italia ha 24 Mila Voci

By on dicembre 23, 2010

L’America sforna serie televisive che noi importiamo a peso d’oro: l’Italia rivisita talent, altrettanto importati, ottenendo più o meno successo. Ma il 25 Dicembre  e il 1 Gennaio RaiUno tenta di confermare il trionfo del serial Glee con uno show ispirato ad esso: 24 Mila Voci. Non si tratterà di una Produzione vera e propria, per ora due puntate pilota, inserite strategicamente in serate di punta, per saggiare il gusto del pubblico (anzi, per fidelizzare quel pubblico che in queste due serate non avrà nulla di meglio che rimanere davanti alla Tv), non come novità assoluta (questa sarebbe una vera notizia), ma semplicemente, come commenta la Milly Nazionale, con lo scopo di far conoscere quello che c’è già nel nostro Paese: persone che cantano e ballano insieme, che si impegnano per farlo e allo stesso tempo si divertono. Poi, in base ai famigerati risultati Auditel, si saprà se il format avrà futuro o verrà subito cestinato. Ma cos’è 24 Mila Voci, che c’entra Gigi D’Alessio? E Anna Tatangelo ha già chiuso definitivamente la sua carriera televisiva?gigi d'alessio24 Mila Voci sembra essere un Talent Show, anzi a detta della conduttrice: “un tentativo di far arrivare in televisione un’Italia bellissima fatta di persone che cantano in gruppo” e, se queste sono le premesse, si parte proprio bene! Ma il vero intento oltre al “tentativo”, è quello di battersi contro l’Italia morbosa, fatta di scandali, rivolte, misteri e crisi, l’obbiettivo è portare l’allegria e svelare quella faccia gioiosa che l’Italia sembra aver perso. Tutto ciò in due puntate pilota?

Quel che è certo sta nella partecipazione di due prestigiosi giudici: Gloria Gaynor e Gigi D’Alessio, che valuteranno questi goliardi gruppi canterini. Perciò la storia della famiglia D’Alessio in Rai non sembra trovare epilogo. Del fantomatico contratto di Anna Tatangelo già si è più che dibattuto, ma che ora anche la partecipazione del Gigi nazionale sia un modo per compensare gli accordi, non ci lascia per niente tranquilli. Certo una cosa fa riflettere: la cultura internazionale musicale di Gigione non è proprio brillante. Visto che, pizzicato da Striscia nel presunto plagio della sua Hit “Libero” a confronto con la Hit di Bryan AdamsWhen you’re gone“, ha affermato di non conoscere assolutamente l’Artista canadese, dopo tutto il suo singolo (Everything I Do) I Do It for You, nel 1991 è rimasto per sedici settimane consecutive al top dalla UK Single Chart. Vero è che, accortosi della gaff, ha prontamente affermato che la linea melodica, nonchè quella armonica della sua song, sono completamente differenti: beh, se lo dice Gigi! Alle redini, quindi, la chioccia Milly Carlucci, forse nei panni del Prof. Will Schuester?

La curiosità rimane, e vedremo se la Produzione avrà il successo necessario per arrivare alla terza puntata. Milly incrocia le dita mentre noi attendiamo al varco!

About PierPaolo

Nel 2010 si avventura nella Redazione "Iene" di Mediaset. Tra il Giugno 2010 e l’Aprile 2009 collabora a diversi eventi con scopo benefico per “La città della Speranza” e per i bambini della Costa d’Avorio. Partecipa alla Giuria della manifestazione nazionale di “Miss Italia 2008”. Nel 2007 si laurea in Giurisprudenza e dal 2002 sfila come Modello per le scuderie di alcuni marchi dell’Alta Moda Milanese. Gli anni a precedere lo vedono impegnato come atleta in numerosi sport. Ironia, sagacia e curiosità lo contraddistinguono.

2 Comments

  1. Pingback: Uno su tutti? Una delle poche novità delle feste | Lanostratv.it

  2. Pingback: 24 mila voci? Il buonismo della Carlucci ha fatto flop | Lanostratv.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *