Tributo a John Lennon

By on dicembre 5, 2010

Erano quasi le 23 dell’8 dicembre 1980 quando Mark Chapman si appostò davanti al lussosissimo Dakota Building dell’Upper West Side di New York, attese 4 ore e poi con quattro colpi di pistola sparò ad una delle leggende della storia della musica internazionale. Se ne andava così, durante un’inutile corsa verso l’ospedale, John Lennon. Dopo i grandissimi successi con i Beatles, il complesso che storicamente ha segnato un’epoca nella musica e nella moda con oltre 1 miliardo di dischi venduti, e dopo aver lasciato il gruppo nel 1970, scomparve per diversi anni dalle scene musicali. In quell’inverno del 1980 fece appena in tempo a finire di registrare il nuovo album  – Double fantasy – e metterlo sul mercato. Il disco, neanche a dirlo, schizzò al primo posto in classifica, riportando in hit parade anche i vecchi successi dell’artista. Nel 2003 la copia che firmò proprio al suo assassino fu venduta per 525.000 dollari, diventando il disco più prezioso della storia.

Chitarrista, cantante, compositore, poeta e disegnatore, John Lennon è sicuramente uno dei personaggi che maggiormente ha segnato la storia degli Stati Uniti, e non solo. La sua militanza politica, spesso al centro di numerose polemiche e controversie, gli valse persino “l’attenzione” dell’FBI. A lungo, infatti, assieme alla moglie Yoko Ono, fu spiato dalle autorità statunitensi per le sue lotte pacifiste note in tutto il mondo.

A 30 anni dalla scomparsa di John Lennon, è stato realizzato da Giorgio Verdelli A day in the life, un documentario di due ore che ripercorre la carriera artistica e umana del cantante tramite materiale di repertorio e alcune interviste esclusive. Il reportage sarà al centro della seconda puntata di Rock e i suoi fratelli, in onda domenica 5 dicembre, alle 21 su Rai5, il nuovissimo canale del digitale terrestre. Cesare Cremonini, Lenny Kravitz, Jovanotti, Ligabue, Patty Pravo, Max Gazzè, Premiata Forneria Marconi, Oliviero Toscani e Bonito Oliva saranno soltanto alcuni dei personaggi che racconteranno il loro vissuto e i legami con l’Artista. Non mancherà ovviamente la testimonianza di Yoko Ono, che racconterà alcuni episodi fondamentali della loro vita insieme, e darà la sua versione su alcuni fatti significativi della storia musicale legati ai Beatles e alla loro successiva carriera solista.

Rai5, che ogni settimana dedica un concerto di musica pop o rock e un documentario sui miti della musica, ha affidato la conduzione del programma ad Omar Pedrini, ex cantante dei Timoria e ora anche valido conduttore. Pedrini in proposito ha spiegato: Cercheremo di raccontare la musica, di raccontare il rock, attraverso contributi inediti, rarità, con musica dal vivo e grandi concerti. Cercheremo di vivere insieme la musica, io e loro insieme ad un concerto, con qualche spiegazione tecnica quando è il caso, ma senza essere accademico, per capire il dietro le quinte e come si fa la musica. Il programma sarà spontaneo, vero, vivo, rock e pieno di energia.

Non poteva mancare pertanto una puntata su John Lennon. Numerose sono le compilation, i tributi a lui dedicati e il monumento Peace Tower alla sua memoria staziona sull’isola di Vidney, in Islanda. I suoi dischi, gli scritti, le registrazioni sono oggetti di culto che ogni anno vengono venduti all’asta a prezzi da capogiro.

Ehi, Mr. Lennon, sta per entrare nella storia gli urlò Chapman prima di sparargli. Mai frase fu così appropriata..

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *