Un programma per Sgarbi? Prendetevela con Fazio e Saviano!

By on dicembre 8, 2010
vittorio_sgarbi

text-align: center”>

Non svegliar il can che dorme! Mai questo proverbio sarebbe stato più azzeccato. Mi chiedo : ma a Fazio e Saviano cosa è saltato il mente? Il loro programmaVieni via con me, andato in onda in quattro puntate e terminato il 28 novembre scorso, ha riscosso un enorme successo. Il conduttore televisivo e lo scrittore con una serie di “elenchi”, monologhi, balletti “attoriali” e performance musicali, accompagnati da ospiti sempre diversi, hanno trattato e analizzato temi politici, sociali e culturali della nostra penisola, mettendo in evidenza con dati reali le problematiche affrontate. Sono stati i protagonisti di una trasmissione seguitissima, con picchi di oltre 9 milioni di telespettatori e uno share medio del 30%, risultati d’ascolto che hanno valso a “Vieni via con me” il titolo di programma di Rai3 più visto degli ultimi 10 anni. Insomma la coppia Fazio-Saviano, trattando contenuti di forte interesse pubblico, ha dimostrato di non essere una coppia che scoppia, bensì una coppia scoppiettante, pur suscitando numerose critiche, prese di posizoni da parte di partiti politici e scatenando le reazioni di gruppi e associazioni.E’ nell’ultima puntata che succede il disastro che non gli perdoneremo mai. Fabio Fazio a fine puntata lancia un invito “Se qualcuno non si sente rappresentato da “Vieni via con me” può sempre fare un’altra trasmissione e noi la guarderemo volentieri“, e Sgarbi, dal divano di casa sua, accetta la sfida con un “Beh, eccomi!”. Ma Fabio, che ti abbiamo fatto di male: ti abbiamo seguito con interesse, guardato fedelmente, ascoltato tutti i vado via perchè, i resto qui perchè e gli ho imparato che con l’attenzione che si riserva ad una messa parrocchiale. E in cambio che fai? Svegli il can che dorme? Lo istighi, lo provochi, lo induci a crearsi una trasmissione? Tutti conosciamo Vittorio Sgarbi e tutti sappiamo che è meglio lasciarlo lì, nel suo salotto di casa o al massimo in quelli televisivi. Mai sfidarlo, incitarlo, punzecchiarlo o stuzzicarlo, è roba da sprovveduti questa!

Ebbene sì, Sgarbi non ha perso tempo e sta preparando il suo programma televisivo. Si parla di una trasmissione in 6 puntate, ognuna di 2 ore, che con tutta probabilità partirà da Gennaio in prima serata su Rai1. Ma il matto che si calerà nei panni del mattatore non è solo in quest’operazione: il complice si chiama Mauro Masi ed è il Direttore Generale della Rai , che fomenta  chi non ha bisogno di essere fomentato, ed insieme stanno mettendo a punto il programma proprio in queste ore. L’idea di uno programma tutto suo è nata dopo gli ottimi ascolti ottenuti da Vieni via con me di cui spiega “hanno  dimostrato che in tv c’è spazio per parlare di cose serie ed importanti anche più di venti minuti senza perdere l’attenzione del pubblico“. Così il critico d’arte più impertinente del piccolo schermo si è fatto avanti per dimostrare che in tv, dopo la trasmissione di Fazio e Saviano, si può parlare di tutto e andare anche oltre. A rivelare la tragedia è il settimanale “Tv Sorrisi e Canzoni” sulle cui pagine Sgarbi assicura (si fa per dire) che il suo programma sarà di grandi discorsi sui temi più alti dell’arte, della cultura, della politica; si parlerà del vero, il falso, la bellezza, la ragione, il paesaggio ma anche della musica e dei valori. Sì, perchè Vittorio Sgarbi tiene a precisare “sarà un programma sui valori”  e sembra già aver deciso il tema che verrà approfondito durante la prima puntata: Dio.

Non mancheranno gli ospiti, e su questo Sgarbi ha le idee chiare, vuole solo “persone alle quali affidare un ragionamento” come il Maestro Riccardo Muti, il filosofo Emanuele Saverino, scrittori “alti” come Claudio Magris ma anche personaggi dello spettacolo come Paolo Conte e Celentano.Il bene e il male” è il titolo provvisorio mentre la presenza fissa del fotografo Oliviero Toscano, del giornalista Carlo Vulpio e del regista Martinez sembra ormai una certezza. Sgarbi promette grandi temi e grandi monologhi senza mai risultare “pesanti” sulla scia di Vieni via con mee minaccia “sarà bellissimo poter parlare per un quarto d’ora intero di Michelangelo“: con tutto il rispetto per il grande artista romano, ditemi voi se questa non è una minaccia! La preparazione di Sgarbi è indiscutibile: è un critico e storico d’arte, scrittore, politico e personaggio televisivo. Discutibili invece sono i modi, il linguaggio, quel “capra” urlato per 3 volte di fila, la voce fastidiosa che mitraglia il cervello di chi lo ascolta anche  da casa. Al pubblico televisivo Sgarbi è soprattutto famoso per le numerose controversie, per la sua irascibilità, per i diverbi aggressivi, le innumerevoli liti per le quali negli anni ha collezionato denunce, querele e condanne per diffamazione. E’ stato più volte membro del nostro Parlamento e di amministrazioni comunali come quella di Milano e dal 2008 è il primo cittadino di Salemi, una cittadina siciliana. Critico, scrittore, sindaco e adesso anche conduttore televisivo: non staremo esagerando?

Da fine anni ’80 ad oggi ci ha “regalato” decine di “show”. Pur non avendo una tramissione tutta sua, abbiamo assistito a tante sue liti, a risse, ci ha insegnato che la parola “capra” non è solo un animale, ci ha mostrato con classe come ci si pettina i capelli con la mano, portando indietro il ciuffo ribelle, ci ha obbligato ad abbassare il volume del nostro televisore per evitare l’emicrania, a cambiare canale quando abbassare il volume era inutile, abbiamo imparato come si tira un tapiro in testa a qualcuno e abbiamo imparato che dire “taci!” è meglio che dire “stai zitto!“.

Fabio Fazio, mi rivolgo a te, ma non potevi chiudere l’ultima puntata di “Vieni via con me” con un “Grazie a tutti e buonanotte”, incassare il successo e andare a casa?

About Taty Rossi

Nata a Milano sotto il segno dei Pesci, ha origini eritree, una pelle color cannella e si definisce "un'amante della parola". Ha studiato recitazione e conduzione televisiva presso il Centro Teatro Attivo di Milano poiché teatro, cinema e televisione sono le sue più grandi passioni. Oggi cura i servizi esterni del programma "Live In Style" in onda ogni venerdì alle 18.15 su 7Gold.

5 Comments

  1. Fabrizio

    dicembre 9, 2010 at 13:00

    Qualcuno ci metta al riparo da questa sciagura!

  2. Diego

    dicembre 10, 2010 at 22:15

    A una persona cosi’ arrogante,maleducata ed eccentrica non avrei mai concesso la facolta’ di gestire uno spazio televisivo su una rete di stato!Lo trovo di pessimo esempio educativo ,anche se fondamentalmente lo Sgarbi nazionale sapra’ trattare con la solita spocchiosa padronanza le tematiche che si affronteranno in quello che spero sara’ un rovinoso flop mediatico.

  3. Pingback: Bontà loro. Il format delle origini di Costanzo non decolla nella tv di oggi | Lanostratv.it

  4. Pingback: Sgarbi con Zorro su Rai Uno. | Lanostratv.it

  5. mogol_gr

    febbraio 8, 2011 at 02:36

    Finalmente meglio degli “sgorbi quotidiani” quando ne daranno uno a Grillo?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *