Cuccarini-Barale: basta poco per fare la differenza

By on febbraio 7, 2011

L’altra domenica. Quella tranquilla, decorosa, pulita, fatta di buoni sentimenti, canzoni e qualche risata. Una domenica senza rivelazioni dell’ultima ora, scontri tra mamme (Nina Moric) e padri (Fabrizio Corona), senza Rubygate e cronaca nera. Insomma una domenica fuori dal coro, che a guardarla fa tenerezza, perchè sembra andare avanti per la sua strada, senza volersi, in un certo senso, adeguare a ritmi e temi che imperversano nella nostra Tv, così cambiata negli anni, così ahimè peggiorata. Sto parlando di Domenica In… Onda, condotta da Lorella Cuccarini (nella foto). La showgirl, come ho detto altre volte, non ha il successo che si merita, infatti viene superata, anche se di poco, da Federica-conducotuttoio-Panicucci. Bisogna dare atto a Lorella di aver mantenuto sostanzialmente invariata la linea del programma, anche se gli ascolti non la premiano, scelta coraggiosa in questo periodo, dove per vincere la gara dello share si fa di tutto, anche stravolgere il palinsesto.

Oggi la Cuccarini ha inagurato una nuova rubrica, Parola alle donne, un salotto tutto al femminile: La Pina al pc, che teneva informate le amiche se il popolo di internet apprezzava o no la formazione domenicale, Wilma De Angelis, ritornata in auge con la sua cover di Bad Romance, una Paola Barale (nella foto sotto) meno snob del solito e poi Anna Dello Russo, fan scatenata di Lady Gaga. Insomma un quintetto di donne ben assortito, che chiaccheravano a ruota libera, all’apparenza senza un copione scritto.

paola barale ospite a Domenica in onda

Verso la fine del programma Lorella decide di intervistare la Barale: sedute una di fronte all’altra, con dei fogli in mano, preparati dagli autori, entrambe intenzionate a non seguirli. Infatti Paola li lancia e le due signore iniziano a parlare liberamente. E’ stato un momento molto bello, perchè hanno dato veramente l’idea di essere amiche nella vita, di stimarsi a vicenda, raccontando i loro inizi, le preoccupazioni famigliari e il loro concetto di felicità.

Lorella, spinta da Paola, in un certo senso ha ammesso di fare un programma più legato ad un modo passato di fare Tv, quella Tv che sa e ama fare. La Barale le ha fatto notare che oggi per fare il loro mestiere meno cose sai fare meglio è, che nelle interviste dovrebbe trattare male gli ospiti, urlare, offendere, per vincere così la gara deglia ascolti. Manco a dirlo Lorella non ci sta, per fortuna. Alla chiaccherata si aggiunge, per volere di Paola, Alex Britti che con la sua musica crea ancora più atmosfera.

In qeste domeniche di zapping, dove nei contenitori più nessuno, a quanto pare, riesce ad inventarsi qualcosa di nuovo, questa intervista diversa dal solito, senza l’obbiettivo di trovare il marcio dove non c’è, sembrava una sferzata d’aria fresca, quasi un’anomalia in questa nostra Tv così chiassosa.

About Nicola Zamperetti

Nato a Valdagno (VI) nel 1978, da un decennio lavora nel mondo dello spettacolo come performer teatrale e attore. Ha partecipato a molti programmi come "Sarabanda" "Domenica In" "Carramba che fortuna"... Scopre l'amore per il teatro, soprattutto per i Musical (Grease,Il Ritratto di Dorian Gray e A Chorus line) e per le Fiction (La Ladra, Il Peccato e la Vergogna e Donna detective). E' cresciuto guardando la tv e si definisce figlio del tubo catodico. Promette di essere ironico, tagliente e cinico nei suoi Articoli.

3 Comments

  1. Ale

    febbraio 9, 2011 at 14:39

    Mi è piaciuta moltissimo questa intervista tra due grandi donne della tivù anni ’90-2000.
    La Barale oltre ad essere stupenda fisicamente dimostra almeno dieci anni in meno dei 44 che ha. La Cuccarini brava e bella è sempre perfetta. Faccio notare che nonostante come avete scritto voi non ricorra ai mezzucci per fare ascolti, anche Domenica scorsa ha perso sì, ma di pochissimo, rispetto a Canale 5. Il divario iniziale con la D’Urso si è assottigliato. Quindi non si può certo parlare di flop, ma di una televisione buona e di qualità, che non fa man bassa di telespettatori, ma che poco a poco sembra far affezionare sempre più il pubblico spostandolo da Canale 5 a RaiUno.

  2. nicola zamperetti

    febbraio 10, 2011 at 10:58

    Ciao ale, intanto grazie per aver letto e commentato questo aritcolo. Non ho parlato di flop assolutamente, perchè la Domenica in di Lorella non lo è. Come dici tu le distanze si sono accorciate. Se avrai tempo, dai uno sguardo anche ad altri articoli che ho dedicato alla Cuccarini, dove mi chiedo cosa spinga il telespettatore a scegliere Domenica 5 molto, troppo, spesso trash e dedicata a questi gossip che ormai hanno fatto il loro tempo. Aldo Grasso l’ha detto: forse è il pubblico che va rieducato. Ciao a presto Nicola

  3. lina

    marzo 25, 2011 at 19:33

    Infatti il pubblico e stravolto,tutti si dovrebbero dare una calmata,la guerra degli ascolti ha generato lo scempio che vediamo,a me piace la domenica di lorella,e anche molto,e sempre stata più avanti degli altri sa che c,è bisogno di pulizia in giro e ascolti o no va avanti per la sua strada,e una signora conduttrice,consapevole che la sua domenica in e un contenitore pomeridiano alla portata di tutti,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *