I Raccomandati, demoliti da Zelig, chiudono prima. Arriva Ciak si canta con Romina Power & figlia?

By on febbraio 4, 2011
i raccomandati

I raccomandati, non ci sono mai piaciuti, men che meno in questo blog. Se diciamo che l’Italia (e il mondo!) ne è piena non facciamo la scoperta dell’acqua calda, ma se addirittura si arriva a chiamare così un programma, soprattutto di questi tempi e soprattutto in Rai, viene da storcere il naso a chiunque. Se poi parliamo di una delle trasmissioni più brutte degli ultimi anni, allora c’è da pensare che l’originalità poteva stare giusto nel titolo. Un’originalità che non viene premiata da un programma che ripropone (mal riuscendoci! ) la formula della Corrida, di cui non avrà mai ironia, spontaneità e goliardia. I raccomandati di Raiuno sono affondati. Dopo l’addio di Carlo Conti (storico conduttore dello show) e l’arrivo di Pupo e soprattutto, dopo tanti anni di programmazione, ormai “I raccomandati” non divertono più (e perfortuna! il pubblico si è svegliato!). A dare il colpo di grazia alla trasmissione è stato, per altro, il ritorno in versione splendente e rispolverata del carozzone di Zelig con una sensazionale Paola Cortellesi (che vale tutti i 65 euro a puntata che guadagna), perfettamente a suo agio nel ruolo. La presenza di Emanuele Filiberto (che dopo la partecipazione lo scorso anno al Festival di Sanremo, Pupo, ormai, si porta ovunque) è assolutamente irrilevante nel programma, anche, se lui ci ha tenuto a precisare (in dichiarazioni anticipatorie rispetto alla partenza del programma) che il suo ruolo non è quello di valletto di Pupo, ma di co-conduttore.

Per non parlare, poi, di una Valeria Marini che di solito è formidabile nelle sue apparizioni televisive, ma che in questo contesto è assolutamente irrilevante, così come è del tutto invisibile la pseudo-valletta, Debora Salvalaggio. Dopo i disastrosi risultati di ascolto, è arrivata la notizia di un accorciamento del programma che-senza i rimpianti di nessunovedrà tagliate due puntate, anticipando così la sua chiusura, due settimane prima.  A prendere il suo posto ci sarà un altro format di cui si potrebbe fare volentieri a meno, parlo di “Ciak si canta”, un programma dalla formula stantia e vecchia (perchè in Rai sono ancora convinti che bisogna realizzare programmi per un pubblico anziano, perchè quello è il pubblico di Raiuno!).

L’unica vera novità per “Ciak si canta” potrebbe essere rappresentata dalla probabile nuova conduzione che vede in prima linea il ritorno sulla scena di Romina Power (che tutti avevamo lasciato con Fabrizio Frizzi a “Per tutta la vita”) che per l’occasione dovrebbe essere accompagnata da sua figlia Christel (si fa tutto in famiglia!). In questo caso, potrebbe destare curiosità  la partecipazione della Power, anche se non aggiungerebbe niente al programma, visto che mi pare di ricordare di lei, una conduzione lenta e abbastanza soporifera. Su Raiuno c’è bisogno di ritmo, perchè non è detto che anche i vecchietti non vogliano ballare..e in tutto ciò meno male che arriva Milly con la nuova edizione di “Ballando con le stelle“, unico format della prima rete ammiraglia, che ancora riesce a guardarsi in modo godibile.

About Giuseppe Marco

Autore, redattore, giornalista. In una parola "un creativo" della televisione. Si laurea in Scienze della Comunicazione. Al lavoro di analista tv, affianca la frequentazione del Master per autori tv e ha modo di studiare con E. Menduni e C. Freccero. Firma come autore due edizioni dell’Annuario della televisione e in seguito arriva l’esperienza con “Moltomedia”, il laboratorio creativo di Mediaset. Il suo “format crossmediale” viene selezionato dal team Mediaset come uno dei progetti vincitori e inizia il suo percorso di lavoro come autore, che porterà alla realizzazione di un prototipo del progetto. Attualmente lavora in trasmissioni televisive delle reti Mediaset.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *