Ambra Angiolini tradisce Francesco Renga: scoop è caso politico tra Libero, Chi e Il Fatto Quotidiano

By on marzo 23, 2011
Ambra Angiolini Francesco Renga tradimento scoop Chi

“Alla mia compagna contro gli sciacalli che tentano di minare il nostro rapporto, perchè d’amore si tratta” ha esordito così Francesco Renga durante un suo concerto, all’indomani dello scoop targato Chi, edito da Mondadori e diretto da Alfonso Signorini, il re del Gossip. Ambra Angiolini, classe 1977, conduttrice, cantante e attrice, esordì con Bulli & Pupe, arrivando al successo grazie a “Non è la Rai” nel lontano 1992/1993. Ultimamente ha partecipato ad un corto realizzato dagli studenti del laboratorio Fare Cinema di Marco Bellocchio, ispirato alla storia della monaca di Monza. E qui è scoppiato il caso: Pier Giorgio Bellocchio, attore e figlio del regista Marco Bellocchio, sarebbe stato paparazzato in atteggiamenti ambigui con la compagna del cantante Francesco Renga, Ambra Angiolini. Dopo lo scoop di “Chi”, sono intervenuti anche i colossi dell’informazione “Il fatto” e “Libero”. A Vanity Fair, invece, risponde Ambra con un secco: “Giù le mani dalla mia famiglia, sono solo insinuazioni” e – attaccando esplicitamente Chi – continua “Mi disgusta lo squallido verbale della mia presunta angoscia per lasciare intendere l’incandescenza di un contenuto che non c’era”.

“Non sono tenuta a dare spiegazioni a nessuno, eccetto che al mio compagno che le ha già avute. Devo solo poter guardare Francesco negli occhi, e io lo posso guardare. Anzi Francesco pensa soprattutto a proteggermi in questo momento” dichiara Ambra.

Francesco Renga e Ambra Angiolini scoop Chi Poi scatta il caso politico. Il Fatto Quotidiano, diretto da Antonio Padellaro, ha accusato Chi “di colpire la Angiolini perchè dichiaratamente anti-berlusconiana”. Ambra Angiolini, infatti, ha partecipato attivamente alla manifestazione delle donne contro il Governo, le stesse che il Ministro Gelmini ha etichettato clamorosamente come “radical chic”, e poi si è confidata ad AnnozeroLibero ha scritto: “Tutte paranoie ed ossessioni”. Per Il Giornale è “una notizia da negozio di parrucchiere alla quale Il Fatto Quotidiano ha voluto dare un colore politico”.

About Fabio Giuffrida

One Comment

  1. beppe

    marzo 24, 2011 at 09:36

    caro Fabio,il tuo articolo è molto obiettivo e chiaro..per aver detto con parole e toni forti(ma senza turpiloquio e volgarità,poichè non fanno parte del mio modo di essere) quello che penso di gente come Signorini e la D’urso in un blog sulla televisione molto famoso sono stato accusato di maleducazione dal “padrone” del blog(ke porta il suo stesso nome)per aver definito la coppia D’Urso-Signorini una coppia da discarica televisiva….aggiungendo che questi si ergono a giudici spesso e volentieri impartendo predicozzi agli altri(vedi le lturgie moralistiche nei confronti dei vari gieffini e le ramanzine fatte a vari ospiti nel corso delle trasmissioni),ma poi agiscono in maniera subdola e cinica x i loro interessi,abusando del loro potere denigrando e sputando veleno verso chi non fa parte del loro clan o la pensa in maniera diametralmente opposta a loro e attacca il loro padrone.Ho osato definire il dott.signorini una servetta squallida e acida e che fintanto dirigerà un famoso giornale che si occupa di televisione io non lo comprero’ piu.
    Forse ho esagerato ma queste persone stanno rovinando il mondo televisivo e pure la carta stampata,ci vorrebbe una bella rivoluzione in questi 2 mondi..e le rivoluzioni non si fanno mai educatamente soprattutto quelle contro i regimi ,in questo caso quello televisivo giornalistico.Signorini occupa una miriade di spazi radiotelevisivi ed editoriali(Gf,verissimo,Kalispera,tutti giorni a Rmc,tg4 e la direzione di 2 riviste importanti a livello nazionale)spazi che potrebbero essere dati anche ad altri commentatori e non solo al suo pensiero unico!La persona che mi ha tacciato di maleducazione scrive su uno dei giornali diretti dal dott. Signorini e ora mi spiego tutto.scusa ma sono agguerrito e deluso, è ora che ci sia un rinnovamento non solo in politica ma in ogni aspetto della realta italiana.Mi piace questo blog,non è asservito a nessun potente e non da’giudizi ne fa predicozzi nei confronti dei commentatori comuni,ma critica i potenti e i privilegiati che fanno televisione!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *