Amici: sfida delle vendite, Annalisa si conferma vincente, Virginio non decolla, Francesca floppa

By on marzo 25, 2011

text-align: justify”>Foto Annalisa Scarrone con orecchino gatto Amici Canale5Siamo alla seconda settimana di sfide nelle vendite per gli unici tre cantanti di questa edizione che sono riusciti ad ottenere un contratto discografico. La settimana scorsa è stata Annalisa ad avere la meglio sul vincitore Virginio, posizionandosi al terzo posto, mentre Virginio esordiva al quarto. Questa settimana entra in gioco anche Francesca Nicolì che ha pubblicato il suo album ‘Kekka‘ il 15 marzo, in ritardo rispetto ai suoi due compagni di avventure. La classifica Fimi di questa settimana che raccoglie i dati di vendita dal 14 al 20 marzo 2011, conferma il risultato della scorsa settimana. Annalisa Scarrone e il suo album ‘Nali‘ si portano avanti fino al 2° posto, ottenendo così, dopo il successo della critica(che l’ha premiata anche durante la trasmissione, ndr), un chiaro successo di pubblico che dimostra di apprezzare il talento della giovane cantante savonese. Al contrario non è migliorata per niente la situazione del vincitore di Amici, Virginio Simonelli, che con il suo album ‘Finalmente‘ è sceso alla 5^ posizione. Cosa sta succedendo quindi al cantante, che rischia di fare la stessa fine dopo Sanremo 2006? I fan club spiegano che la casa discografica Universal sta gestendo male la campagna promozionale del disco.

Virginio che effettivamente si vede poco in giro, in questi giorni è volato a New York per girare il video del suo primo singolo. Ma era davvero così necessario mandarlo lontano, togliendo così la possibilità di battere il ferro ora che è ancora caldo? I dubbi sono tanti. Esordisce male, anzi malissimo, la cantante salentina Francesca Nicolì che con il suo album si posiziona solo alla posizione 28. L’esuberante ragazza che si è fatta notare più per il suo carattere che per la sua voce, non riesce nell’impresa di emulare le altre due salentine Alessandra Amoroso, vicina al terzo disco di platino con ‘Il mondo in un secondo‘ ed Emma che ha da poco conquistato il primo con ‘A me piace così.

About Matteo Pagano

Nato a Casarano (Lecce) nel 1990, è il più giovane tra i Redattori. Frequenta nel Salento la Facoltà di Scienze della Comunicazione, si definisce socievole, ironico e simpatico. Non ha peli sulla lingua, non sopporta l'ipocrisia, ama scrivere ed ascoltare musica. La sua passione è esplosa al Liceo quando gestiva un giornalino di classe. Ha collaborato con giornali online di universitari e il suo rapporto con la tv è di amore-odio.

4 Comments

  1. mary

    marzo 27, 2011 at 12:30

    Scrivere “Virginio non decolla” è ridicolo! Un cantante che si trova al 5° posto tra gli album più venduti non decolla? E la scorsa settimana era 4° e non 5° come hai scritto e il suo album era uscito appena da quattro giorni,se questo significa non decollare!!!
    Per il resto è vero Virginio non ha ancora fatto promozione al contrario di Annalisa, manca di pubblicità ,e questo è un dato di fatto, non lo hanno di certo inventato i fans.

  2. Matteo Pagano

    marzo 27, 2011 at 15:09

    Già corretto. Mary stai negando l’evidenza, Virginio non decolla perché perde una posizione rispetto alla scorsa settimana, non decolla mi sembra appropriato. Poi io non ho detto che i fans hanno inventato il problema della promozione, leggi bene l’articolo.

    • mary

      marzo 29, 2011 at 11:44

      Ho letto benissimo e hai fatto anche delle considerazioni giuste (tipo se era il caso di mandarlo così lontano a girare il video) Io infatti non ho detto che tu hai detto che i fans lo hanno inventato,da parte mia era solo un rafforzare un fatto oggettivo.
      E continuo a pensare che sia sbagliato dire che “non decolla”.Francesca non decolla di certo ma non Virginio che comunque senza nessuna pubblicità si trova in alto.E che esagerato dire che rischia di fare la stessa fine di Sanremo!
      Sai? Lo auguro a tutti gli artisti di trovarsi al quarto e quinto posto delle classifiche e rischiare di scomparire!!

  3. lu

    marzo 29, 2011 at 13:47

    E chi crede ancora nella FIMI??? Dati falsati ormai e risaputo, credere nella FIMI e’ come credere negli asini che volano. Mi auguro che presto qualche autorita’ competente faccia una visitina di controllo!!!!!!!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *