Bufale in tv: chi sono i concorrenti di Trasformat?

By on marzo 7, 2011
TF

In attesa di guardare uno dei miei programmi preferiti – C.S.I. New York – stasera mi sono soffermato su Italia 1 alle 20,30, proprio mentre cominciava Trasformat, il programma condotto da Enrico Papi ormai dal novembre scorso. In sintesi, i concorrenti devono indovinare l’identità di uno o più personaggi della Tv, dello sport o dello spettacolo (a volte anche incroci tra animali) photoshoppati per l’occasione e resi irriconoscibili. Il gioco, a eliminazione, è diviso in tre manches e ognuno dei tre concorrenti ha in dotazione 20 vite per dare la risposta esatta. Valletta di Trasformat è Francesca Cipriani, ex gieffina ed ex vincitrice del reality La pupa e il secchione, subentrata a Raffaella Fico che è invece sbarcata all’Isola dei famosi. Spendo giusto due parole per descrivere la totale stupidità (non so quanto soltanto apparente) della Cipriani, già nota per aver ricoperto il ruolo della tettona scema e ignorante. Qualcuno, purtroppo, ricorda ancora le sue performance nelle vesti di pupa, ma devo dirlo: a volte fa ridere anche me. Io la guardo e trovo che la sua “magnificenza” consista proprio nell’essere così totalmente borderline. Sembra che essere in televisione, a guardare il suo atteggiamento, non sia tanto diverso dallo stare a casa sua. L’educazione, la grazia, un linguaggio appropriato sono così lontani da lei che non esiste prestare attenzione a chi guarda il programma in cui lei saltella sgraziatamente su e giù mostrando le sue siliconatissime tette. Con lo stesso ammiccamento si rivolge persino ai bambini…

Detto questo, non è la prima volta che guardo il programma, e non è la prima volta che mi soffermo sui concorrenti. Una folta schiera di belle ragazze e bei ragazzi sfilano sul palco dello studio come niente fosse. L’eta media è 23 anni, quasi tutti sono studenti di qualche fighissima facoltà universitaria, vestiti e pettinati alla perfezione e sorridenti. Sinceramente trovo poco credibile che in un programma, sicuramente rivolto ai giovani, frizzante ed “esplosivo”, non decida di partecipare qualche casalinga o qualche pensionato, o per lo meno, gente “normale”. Enrico Papi ha invitato più volte a partecipare al casting, e anche in giro su internet si leggono svariati annunci per poter diventare un concorrente di Trasformat. La maggior parte di questi sono inseriti su noti siti di casting, qualcuno addirittura non è neanche cliccabile ma una voce ti spiega come inserire il tuo cv per entrare nel mondo dello spettacolo. La facilità con cui si vince nel programma che Papi stesso ha detto aver ideato sua figlia, è alquanto strana. Indovinare sei facce e vincere un weekend in Spagna, uno scooter o – udite udite – un’automobile, appare un po’ troppo semplice rispetto a quanto avviene altrove, dove la vittoria consiste magari in poche migliaia di euro e devi faticare molto di più. Oltretutto i giovani concorrenti, a questo punto probabili attori e attrici pagati appositamente per l’occasione, restano del tutto impassibili di fronte a queste vittorie. Ricordo sempre in programmi simili di aver visto gente piangere o almeno esultare per aver vinto un viaggio o addirittura un’auto. Invece qua niente. Certo. Uno si sveglia la mattina, partecipa a un quiz, vince un’auto ed è tutto normale.

Insomma, diciamo pure che Trasformat sembra più una mezza bufala che un quiz reale, e che siamo veramente stufi di essere presi in giro. Se il programma è un modo di dare visibilità a giovani attori, modelli, etc. ben venga, ma che almeno non ci trattassero come fantocci! Ancora una volta noi telespettatori siamo vittime di una tv finta e bugiarda.

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *