Maurizio Costanzo cambia programma, rete e fascia oraria. Non cambia il responso del pubblico:FLOP!

By on marzo 10, 2011
maurizio costanzo

Maurizio Costanzo è attorno a un tavolo, come se fosse una scrivania del suo programma che andava in onda su Canale 5 dal titolo “Tutte le mattine“, le atmosfere sono quelle del suo talk show storico “Il Maurizio Costanzo show” (ma è in uno studio e non nello storico teatro Parioli in Roma) E continuiamo. La disposizione del pubblico in studio sembra identica a quella che viene adottata nel programma della sua consorte “Uomini & donne” e qui si fa ritornare in video Pierluigi Diaco, lo stesso che abbiamo visto come conduttore discutibile a “Uno mattina estate” (accanto a Georgia Luzi, la conduttrice che la Rai ha invano cercato di lanciare nel Prime time)e che abbiamo, invece, ritrovato dietro le quinte nel programma, sempre di Costanzo, “Bontà loro” (doveva essere il ritorno al format originale che Costanzo conduceva ai tempi della tv delle origini, quando nasceva il genere del talk show).  Per il resto il solito talk. Nulla di originale, anche se va riconosciuto a Costanzo di avere dato molto alla nostra televisione, nella sua lunghissima carriera di conduttore e giornalista. Quasi, quasi, rimpiango il Costanzo inedito che conduceva “Buona domenica” e che si lasciava andare proponendo al telespettatore un’immagine di sè diversa e divertente. Da quando Costanzo è rientrato nelle reti Rai non ha avuto molta fortuna, complice, probabilmente,  la mancanza di novità dei programmi che ha portato in video.

Prima “Bontà sua” e poi “Bontà loro” si sono rivelati prodotti fallimentari che hanno portato la prima rete ammiraglia a risultati di ascolto, molto al di sotto della media di share. Maria De Filippi, non era mancata di intervenire, per sottolineare quanto fosse stato penalizzato Costanzo, nell’essere stato collocato in una fascia oraria a lui poco congeniale. Costanzo ora cambierà canale e cambierà anche fascia oraria. “Maurizio Costanzo talk“, infatti, va in onda su Raidue e nella difficile fascia del pre-serale.

Anche in questo caso, il risultato non è stato diverso e il programma nelle varie giornate in cui va in onda, continua ad attestarsi attorno a una media di share del 4% (peggio era riuscito a fare soltanto Enrico Brignano con la conduzione dell’orrendo game show “Pyramid” che nessuno ricorderà più…e meno male!). Sembra proprio che il telespettatore abbia deciso di mandare Costanzo in un pensionamento forzato..con o senza Diaco!

About Giuseppe Marco

Autore, redattore, giornalista. In una parola "un creativo" della televisione. Si laurea in Scienze della Comunicazione. Al lavoro di analista tv, affianca la frequentazione del Master per autori tv e ha modo di studiare con E. Menduni e C. Freccero. Firma come autore due edizioni dell’Annuario della televisione e in seguito arriva l’esperienza con “Moltomedia”, il laboratorio creativo di Mediaset. Il suo “format crossmediale” viene selezionato dal team Mediaset come uno dei progetti vincitori e inizia il suo percorso di lavoro come autore, che porterà alla realizzazione di un prototipo del progetto. Attualmente lavora in trasmissioni televisive delle reti Mediaset.

2 Comments

  1. Giovanna Garavaglia

    marzo 17, 2011 at 18:48

    Sono orgogliosa di essere Italiana,tranne quando tagliano scuola,cultura e mai lo stipendio dei parlamentari…che cazzeggiano tutto il giorno o quasi! vergognatevi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. fabio

    marzo 19, 2011 at 10:35

    sono un ragazzo di 32 anni con problemi di tossicodipendenza e detto questo non ci sarebbe altro che aspettassi un’avversione alle forze dell’ordine. sbagliato.
    quello che sta succedendo sul caso di Yara e veramente allucinante.
    sentire tutte quelle critiche che spesso sono insulti verso le forze dell’ordine , forze dell’ordine che solo grazie a loro molti di quelli che li criticano ed offendano possano girare per strada in sicurezza e veramente allucinante.
    sono le stesse forze dell’ordine che ritrovano molte persone scomparse all’anno, che arrestano mafiosi e assassini, che vengano marsacrati negli stadi italiani da teppisti di ogni genere.
    ogni tanto bisognerebbe riflettere un po di piu prima di insultare questi ragazzi.
    addirittura si e’ attaccato anche la protezione civile, fatta da persone che non prendono nulla e che sacrificano il loro tempo libero per aiutare il nostro paese.
    IN PARTICOLARE MI RIFERISCO ALLA PALOMBELLI, A SALUZZI O COME CASPITA SI CHIAMA E ALLA TRASMISSIONE QUARTO GRADO……………..

    PS MI SCUSO SE CI SONO DEGLI ERRORI DI SCRITTURA IN QUESTO MIO SFOGO MA NON CELA FACEVO PIU A STARE ZITTO

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *