Misfits: come giovani delinquenti diventano supereroi

By on aprile 1, 2011

text-align: center;”>Misfits e Nathan Foto

Dal 21 febbraio su Fox è partita la seconda serie di Misfits, serial televisivo inglese che racconta le avventure di un gruppo di ragazzi costretti ai servizi sociali per piccoli crimini, che durante una misteriosa grandinata acquistano dei superpoteri. Nato dal genio di Howard Overman, il telefilm si caratterizza per una certa semplicità di ambientazione ed effetti speciali ma ha ottenuto meritatamente un grande successo di pubblico e critica. Pochi personaggi, budjet ridotto, ma ottima qualità e taglio originale. Il classico tema dei superpoteri è riletto in chiave giovanile, ma contestualizzato in un ambiente che rimanda ad una Londra degradata e solitaria.

Giovani delinquenti e outsider si muovono tra spacciatori, prostitute, ladruncoli ed alcolizzati. Non ci sono anime pure ma il malessere adolescenziale è riflesso crudelmente. Nonostante ciò l’ottima caratterizzazione dei personaggi aggiunge ingredienti fondamentali come il divertimento, l’ironia, la sfrontatezza. I cinque protagonisti sono sfacciati, spudorati. Fanno sesso, si drogano, bevono e dicono parolacce. Si insultano tra di loro ma si sostengono, non hanno rispetto delle autorità ma non sono poveri di sentimenti. Sono semplicemente dei disadattati, probabilmente le persone meno adatte a vivere da supereroi. Eppure il bello sta proprio qui, e questo spiega il successo della serie.

I cinque adolescenti sono Nathan, Curtis, Kelly, Simon e Alisha. Nathan è senza dubbio il fulcro del serial. Irriverente e volgare, ha un volto d’angelo piegato da espressioni di scherno che si adattano perfettamente al personaggio. Vive nel centro sociale perchè sua madre l’ha cacciato di casa, a causa dei pessimi rapporti con il patrigno. Il padre è inesistente, ma cercherà più volte con lui un avvicinamento nel corso della seconda serie. Nelle prime puntate sembra essere l’unico a non aver ricevuto un potere dopo la misteriosa tempesta elettrica. Alla fine della prima stagione però, dopo un memorabile monologo sulla leggerezza della vita giovanile, precipita su un cancello appuntito, e muore. Il decesso dura poco però, perchè Nathan si risveglierà nella tomba scoprendo così il suo potere: l’immortalità.

Curtis è un ex talento dell’atletica, condannato ai servizi sociali per possesso di cocaina. Il suo potere, che tuttavia non riesce a controllare, gli permette di tornare indietro nel tempo. Riuscirà quindi a salvare se stesso e i compagni da molte, spiacevoli situazioni. Kelly è la prima a scoprire il suo potere, ovvero la possibilità di leggere nel pensiero. È grezza e schietta, e avrà un rapporto di amore-odio con Nathan. Simon è il più taciturno del gruppo. Passa le giornate chiuso in casa davanti al pc, non ha amici ed è molto timido. È il classico outsider, e il suo potere riflette il suo animo. Infatti può, quando vuole, diventare invisibile.

Alisha è la bella del gruppo, consapevole del proprio fascino che sfrutta volontariamente per farsi desiderare dai ragazzi. Spesso sembra molto leggera ma cela in realtà un chiaro bisogno di attenzioni. Il suo potere è forse il meno piacevole. Solo con il tocco delle mani riesce a stimolare negli uomini una reazione eccitata e violenta.

Insomma, un successo meritato quello di Misfits, indubbiamente tra le serie più interessanti degli ultimi tempi. Non a caso il telefilm ha vinto il premio Bafta come miglior serie drammatica del 2010!

About Wendy Migliaccio

Nata a Milano nel 1985, ha maturato molto presto una grande passione per il cinema e per lo spettacolo. Contemporaneamente agli studi Universitari che l’hanno portata a laurearsi in Scienze e Conservazione dei Beni Cinematografici, Teatrali e Televisivi, con una tesi su “Luci della ribalta” di Charlie Chaplin, ha frequentato un corso di recitazione presso il CTA Centro Teatro Attivo. La passione per la recitazione l’ha portata a Roma, dove ha vissuto due anni. Ha continuato a studiare presso la Scuola di Cinema di Roma e ha recitato in cortometraggi, pubblicità, video musicali e fiction, tra cui “I Cesaroni” sulle reti Mediaset. Oggi lavora a Milano come giornalista nella redazione di ClassLife, canale dedicato alla moda, al lusso, all’arte e allo spettacolo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *