Gerry Scotti contro il Bunga Bunga

By on maggio 11, 2011
Gerry-Scotti-sul-Bunga-Bunga

L’integerimmo Gerry Scotti decide di dire la sua sul Bunga Bunga e sui famosi festini a luci rosse nei quali sono coinvolti in primissimo piano Emilio Fede e Lele Mora (oltre che, naturalmente, il Premier Silvio Berlusconi). L’integerrimo Gerry Scotti – essendo effettivamente integerrimo (su di lui mai un gossip, mai un’amica troppo giovane, mai una cena o un incontro anche minimamente equivoci) – prende le distanze dal cosiddetto Rubygate e non manca di “bacchettare” sia Fede che Mora. Ecco le dichiarazioni che il conduttore più amato dagli italiani ha rilasciato al settimanale “A”, dichiarazioni che dimostrano che Scotti non ha paura di dire cosa pensa a proposito dello scandalo che ha definitivamente trasformato la politica italiana in esilarante (si fa per dire) fantapolitica. “A meravigliarmi è la sorpresa generale per il caso Lele Mora. Sono almeno 15 anni che organizza festini per i manager della comunicazione, il suo è un sistema super collaudato, esordisce Gerry. Come a dire: beata ingenuità! Ma davvero il pubblico televisivo credeva che al “Grande Fratello” ci andassero solo le persone comuni scelte attraverso una serie infinita di provini? Beh, non è così. Ma il conduttore ne ha anche per Emilio Fede: “Da ospite nei miei programmi, Fede è sempre stato molto buffo. La nostra conoscenza, però, finisce qui: di certe abitudini non sapevo nulla. Mi stupiscono, specie per l’età. Trovo che chi a 80 anni abbia così tanta voglia di divertirsi, deve averlo fatto poco a 20. Si vede che io avevo già dato”.

Ruby Rubacuori Kalispera Alfonso Signorini Canale5 FotoE non è finita qui! Il Dottor Scotti appare davvero infastidito dal “sistema di reclutamento televisivo” che, come ha detto, dura da più di un decennio. Più che infastidito: estremamente imbarazzato e deciso a tenersene ben alla larga. “Il Rubygate l’ho vissuto con l’imbarazzo del padre di famiglia. Ho avuto al mio fianco le più belle donne della tv, da Valeria Marini a Martina Colombari, passando per Michelle Hunziker, Ilary Blasi e Silvia Toffanin. Con tutte c’è stato un rapporto di rispetto. Di quell’aria da basso impero che circonda il substrato di vallettame mi ero accorto da tempo, però, e da qualche anno ho deciso di condurre le mie trasmissioni da solo“. Duro e puro, quindi, anche quando nei confronti della situazione politica italiana si arrischia a dire: “la tanto bistrattata Prima Repubblica non era in fin dei conti così male.Vedo molti più nani e ballerine oggi, che anche una showgirl può ottenere un ruolo istituzionale”.

E bravo Gerry! Anche a Mediaset, uno su mille ce la fa (a dire veramente ciò che pensa e a prendere le distanze dal Rubygate).

About Chiara Negro Cusa

Nata in provincia di Milano nel 1985, dove vive tuttora e prosegue la sua esistenza da orgogliosa “teledipendente”. Il cinema e, soprattutto, la televisione sono le sue passioni. Dopo la Laurea Triennale in Linguaggi dei Media (classe Scienze della Comunicazione), ha proseguito gli studi presso l’Università Cattolica di Milano, percorso terminato da pochissimo con il conseguimento della Laurea Magistrale in Filologia Moderna grazie ad una tesi sulla critica televisiva di Beniamino Placido (relatore Chiar.mo prof. Giorgio Simonelli). Approda a “Lanostratv.it” dopo aver già collaborato con il blog “Formattv.it” ed è prontissima a cimentarsi in questa nuova esperienza professionale!

One Comment

  1. ANONIMO

    maggio 11, 2011 at 19:30

    BRAVO GERRY NON HO MAI AVUTO DUBBI SULLA TUA ONESTA SIA LAVORATIVA CHE PRIVATA!!!!!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *