Plastik-Ultrabellezza: trapianti facciali per ricostruire una vita

By on maggio 23, 2011
plastik-ultrabellezza-elena-santarelli-interventi

text-align: center;”>Plastik Ultrabellezza Italia1 Elena Santarelli Foto

La chirurgia plastica non è soltanto un semplice capriccio o una moda passeggera, ma a volte può migliorare nettamente la qualità della vita di molte persone che hanno purtroppo subito mutilazioni di ogni sorta o sono nate con gravi deformazioni fisiche: è questo quello che Plastik-Ultrabellezza si propone di raccontare, storie incredibili di persone straordinarie che lottano con la vita cercando di tornare ad un’esistenza serena. Nella quarta puntata del programma di Elena Santarelli, andata in onda questa sera su Italia 1, dopo le storie di Manar, nata con un gemello parassita attaccato sul lato sinistro del cranio, della bambina sirena e della dea-bambina, le storie più toccanti riguardano le trasfigurazioni facciali subite da diversi pazienti e le successive operazioni di trapianto di tessuti per cercare di donare un nuovo volto a chi ha i segni indelebili di gravi trasfigurazioni sul proprio viso, per un motivo o per l’altro.

Ha fatto scalpore nel 2006 il caso di Isabelle Dinoire (nella foto), la giovane donna francese che si era svegliata, per la verità in circostanze non molto chiare, senza gran parte del volto, trasfigurato dal cane a morsi nel tentativo di svegliarla: il suo fu il primo caso di trapianto facciale al mondo, reso possibile grazie alla donazione di tessuto cutaneo da parte di un’altra donna. Negli anni successivi, si è molto parlato inoltre di Connie Culp, la donna americana che ha subito il trapianto facciale più completo mai effettuato finora. Quando, cinque anni fa, suo marito le sparò un colpo di pistola in pieno volto, il viso della donna implose per l’80%. Dopo diverse e lunghissime operazioni chirurgiche, la 46enne originaria dell’Ohio poté finalmente tornare ad assaporare il cibo, a respirare autonomamente e a guardare i propri figli.

Molto gravi, infine, sono anche le trasfigurazioni che molte donne islamiche sono ancora oggi costrette a subire: in alcuni paesi come il Pakistan, il volto di alcune giovani donne, che rifiutano una proposta di matrimonio o che scelgono da sé il proprio compagno contro la volontà dei genitori, viene sfigurato con l’acido. In seguito, le donne vengono abbandonate ed emarginate dalla società e persino dalla propria famiglia. E’ difficile credere che nel terzo millennio accadano ancora queste tragedie, ma è proprio in questi casi che la chirurgia estetica salva la vita a migliaia di persone.

About Matteo

Nato e residente in provincia di Lecce, è il più giovane tra i Redattori de LaNostraTv.it. Frequenta il Liceo Linguistico e adora il calcio (ma solo quello in Tv), la lettura (in particolare la saga di 'Harry Potter' e la magica penna di J.K. Rowling), il mondo dell'Interior Design, la Filosofia, la musica e naturalmente la televisione . La passione per la scrittura e per il giornalismo ha sempre accompagnato il suo percorso scolastico e non. Per il futuro ha molti sogni e parecchie ambizioni, ma anche tanta confusione.

2 Comments

  1. Pingback: Ascolti tv lunedì: vince “Notte prima degli esami”. Non sfonda Plastik battuto da Schwarzenegger | LaNostraTv

  2. katia

    maggio 25, 2011 at 18:10

    ciao sono una ragazza di 31anni,10anni fa ho dovuto fare la reduzione del seno,ma mi sono rimaste tutte le cicatrice.se questi interventi vengono fatti gratuiti vorrei rifarmelo,perche e orribile guardarmi allo specchio.vi prego.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *