Rai 3, Report si occuperà del precariato tra i giovani

By on maggio 21, 2011
milane gabanelli report

Dopo la puntata dedicata alle raccomandazioni, Report si occuperà, domani sera, 22 maggio, di questioni legate ancora al mondo del lavoro. “Generazione a perdere” è il titolo dell’inchiesta principale, condotta da Michele Buono e Pietro Riccardi. Il programma condotto da Milena Gabanelli (nella foto) parlerà, dunque, di giovani: della loro difficoltà a trovare un lavoro stabile e ben retribuito e della necessità, spesso, di lasciare questo paese.

L’Italia, lo abbiamo detto più volte, non è uno Stato meritocratico. Parentele, amicizie importanti, scambi sessuali, vincoli di altro genere, contano più della bravura e del titolo di studio. Ecco perché spesso sono proprio i giovani migliori e i più volenterosi a emigrare. L’alternativa? Rimanere in Italia per guadagnare pochi euro e il timore di perdere quel poco che si ha da un giorno all’altro. 

Al di là della retorica attorno ai 150 anni dell’Unità, la verità è che arretriamo sempre più rispetto agli Stati economicamente avanzati e che gli anziani detengono la gran parte del potere. Un potere concepito in maniera feudale. L’Italia non è un paese per giovani, o meglio non lo è più da un pezzo – si legge sul sito di Report. – Perché il nostro paese non riesce più a progettare il proprio futuro? Un paese nel quale gli anziani hanno superato numericamente i giovani, non solo perché si e’ allungata la vita ma perché da più di 30 anni si fanno meno figli a causa di ripetute crisi economiche scaricate sempre sulle fasce più deboli della società e per mancanza di adeguate politiche di welfare. Se facciamo un paragone con la Francia, un paese demograficamente confrontabile con l’Italia e con adeguate politiche di welfare, da noi manca all’appello un’intera fascia generazionale: 4 milioni di giovani tra i 25 e i 35 anni”.

Nel corso del programma verranno presentate le storie di tanti giovani. Hanno studiato e come “premio” hanno ottenuto la precarietà. Ho intrapreso la carriera di insegnantespiega Luca a Report. – Almeno, ci provo. Ci provo perché diventa sempre più difficile. Andiamo avanti ogni anno aspettando a settembre la chiamata di una scuola“. “Sono cultore di una materia all’Università – dice Giovanni – è un lavoro che amo moltissimo, ma che attualmente non mi dà nessun reddito“. E’ l’Italia dei paradossi, dove più si studia e meno si fa strada (a meno che non si è nelle grazie di qualcuno). Vittorio Sgarbi, come ha detto nel corso della sua trasmissione flop, è dell’idea che “bisogna parlare di quello che va bene nel nostro paese.” Milena Gabanelli, invece, col suo programma, denuncia ancora una volta il declino e le ingiustizie della penisola. Da che parte state?

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

3 Comments

  1. Pingback: Report, Rai Tre: l’Italia, un paese contro i giovani | LaNostraTv

  2. Pingback: Report, Rai Tre: l’Italia, un paese contro i giovani | LaNostraTv

  3. Pingback: Report: “Non è un paese per giovani”. « Triskel182

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *