Aldo Grasso: Alfonso Signorini è un noioso nullafacente

By on giugno 25, 2011
alfonso signorini

Che Alfonso Signorini (nella foto) fosse poco simpatico ad Aldo Grasso era fatto noto. Oggi, però, sull’edizione on line del Corriere dell Sera, il critico televisivo ha lettaralmente usato il cannone contro il direttore di Chi e Tv Sorrisi e Canzoni, reduce dal mezzo insuccesso de La notte degli chef. Signorini non è l’unico bersaglio di Aldo Grasso. Ce n’è, infatti, anche per Benedetta Parodi, da poco passata a la7, dove presenterà ancora un programma di ricette. Più che tv, quella italiana sembra ormai diventata un ristorante elettronico.

Ma tant’è. Questo genere di trasmissioni piace e di fatti il più delle volte viene premiato dal pubblico. Antonella Clerici, grazie ai fornelli, è ormai una star televisiva, mentre fino a pochi anni fa sguazzava nel quasi anonimato. I libri di Benedetta Parodi sono vendutissimi. Roba contro la quale nemmeno un Dante Alighieri o un Pier Paolo Pasolini potrebbe concorrere…

Per Aldo Grasso il quadro è tragico. Alfonso Signorini (uno che non ha niente da fare, salvo dirigere due giornali, più altre incombenze) conduce un nuovo programma: La Notte degli Chef. Nello show nove giovani cuochi professionisti, divisi in tre «brigate», si sfidano in una competizione culinaria (Canale 5, giovedì, ore 21,20). Roba da Gianfranco Vissani, ovvero quando il grande cuoco serve alla mensa televisiva. Lo show è noiosissimo”.

Non va molto meglio alla conduttrice di Cotto e mangiato che, secondo il sociologo dei media, contribuirebbe, tra l’altro, a distruggere gli apparati intestinali delle persone: “Quel mondo mi ripugna, lo trovo tragicamente diseducativo – scrive Aldo Grasso. – Anni di campagne per educare le persone ad alimentarsi in maniera sana, e alla fine ci tocca il successo planetario di chi cucina con il Philadelphia. Tipo uno che scrive libri con attenzione enorme, poi arriva Fabio Volo e sbaraglia tutti. Ecco, la Parodi è il Fabio Volo della cucina. Da domani, per uscire dagli equivoci della mescolanza, rivalutare Benedetta Parodi!”

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *