Calcioscommesse, Sky teme calo di fiducia degli abbonati

By on giugno 13, 2011
ilaria d'amico

Lo scandalo calcioscommesse, scoppiatto 10 giorni fa con l’arresto di 16 persone ordinato dalla Procura di Cremona, avrà effetti anche sugli abbonamenti televisivi? Secondo Sky, che assieme a Mediaset si contende il mercato, le conseguenze probabilmente ci saranno. Il motivo è semplice. Molti degli appassionati, di fronte allo scandalo (ancora de definire), potrebbero stufarsi di seguire partite che, in teoria, potrebbe essere già decise da qualche cricca.

A tal proposito, l’amministratore delegato di Sky Italia, Tom Mockrige, ha inviato una lettera al Corriere della Sera. La preoccupazione per la tv a pagamento è parecchia, anche perché il calcio non è certo il Wrestling che, chi segue, sa essere pura esibizione…

Come uomo alla guida di un’azienda che tanto investe e tanto ha investito nello sport più amato dagli italiani, non posso nascondere una forte preoccupazione per l’evidente svilimento e le inevitabili conseguenze economiche che questo comporterà a tutto il mondo del calcio – scrive Tom Mockridge sul quotidiano milanese. – […] Ci sono sport, come il wrestling, in cui chi guarda sa che ha di fronte un evento spettacolare studiato in ogni dettaglio per esaltare gesta che hanno dell’incredibile e che, infatti, credibili non sono. Chi guarda una partita di calcio però non si aspetta questo. C’e’ un patto di fiducia che lega il tifoso alla sua squadra e questa lealtà non può essere tradita senza distruggere il capitale più prezioso di uno sport così amato: la passione di chi tifa e la credibilità di chi gioca”.

Secondo la tv per la quale lavora anche Ilaria D’Amico (nella foto), i mass media svolgono un ruolo determinante per il sistema calcio. Fondamentale è avere la fiducia del telespettatore-tifoso: “La televisione – sostiene il manager sul Corriere – è parte integrante e in questo ruolo, particolarmente sentito da Sky vista la fiducia di milioni di abbonati e la rilevanza degli investimenti sostenuti in questi anni, non può accettare che venga meno la condizione che le straordinarie emozioni che una partita di calcio sta regalando, e che i nostri giornalisti raccontano, siano autentiche”.

Voi che ne pensate? Davvero lo scandalo legato alle scommesse e alle partite combinate avrà un impatto (fatti che comunque sono ancora da accertare) potrà avere un impatto sul numero degli abbonati? Già nel 2006 scoppiò “calciopoli”: la Juventus fu retrocessa in Serie B e molte big furono penalizzate. Eppure non sembra che la passione per questo sport non sembra affatto diminuita, come dice anche il numero di abbonamenti e lo share nella tv di in chiaro. Vedremo se sarà così anche stavolta.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

One Comment

  1. Pingback: Guadagni televisivi: boom di Mediaset a +8% che sorpassa nuovamente Sky | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *