Caterina Balivo senza programma: ecco come è andata. Intanto la D’Amico lascia La7 e la Bignardi?

By on giugno 22, 2011
logo televisione

text-align: center;”>caterina balivo Foto

Il dado è tratto, direbbe Simona Ventura. Eh si, i giochi sono chiusi, infatti alcuni dei volti femminili più amati dal pubblico, nonostante i buoni risultati della stagione televisiva appena conclusa, rimarranno a casa. Il caso più eclatante è quello di Caterina Balivo: oggi la mia collega Taty Rossi, aveva già sottolineato il fatto che la conduttrice partenopea non è stata inserita nel Palinsesto della Rai. Però grazie al giornalista di Italia Oggi Marco Castoro, si è fatta luce su quello che effettivamente è successo. Il contratto della Balivo, che l’avrebbe legata alla nuova edizione di Domenica In era pronto, stampate anche le locandine. A volerla nel progetto era soprattutto Daniel Toaff, vicedirettore di Rai 1, ma la preferivano a Lorella Cuccarini anche il Direttore Generale Lorenza Lei e Antonio Marano. Ma (qui il ma dovrebbe essere grosso come una casa, ndr) Mauro Mazza ha spinto e sostenuto talmente tanto la riconferma dell’ex più amata dagli italiani, che ha convinto la Lei, tanto da mandare a casa Caterina e riconfermare Lorella. La Cuccarini che ha proposto una Domenica In pacata e signorile, ma non di successo, si dovrà occupere di cronaca, per provare a rialzare gli ascolti.

Vi state chiedendo i motivi di questa scelta? Beh, principalmente sono due: primo, l’amicizia di Silvio Testi, marito della Cucca (che ritorna in Rai con Ci vorrebbe un amico, presentato dalla moglie), con Lucio Presta, agente di entrambe le conduttrici. Il secondo motivo è che Lorella si è dimezzata l’ingaggio pur di rimanere al timone di Domenica In un altro anno.  Che dire… Mazza evidentemente non ha apprezzato il lavoro di Caterina. Ribadiamo alcuni concetti: Festa Italiana, dopo essere stato l’unico programma a tener testa e a superare in alcuni casi Uomini e donne, mantenendo sempre una media alta di share, è stato cancellato a favore del flop Se a casa di Paola, condotto dalla Perego. Spostata su Rai 2 Caterina si è difesa bene, infatti il suo spazio dedicato all’intrattenimento e a storie di gente comune, si è sempre rilevato vincente rispetto all’attualità di Milo-nonmischiodanessunodalì-Infante. Insomma, la Balivo, che piaccia o no, è seguita, ha dimostrato negli anni di poter sostenere la diretta, le interviste, i talk e di aver conquistato con il tempo una buona fetta di pubblico. Evidentemente Caterina la meritocrazia non è molto di casa da Mamma Rai.

Fresca invece la notizia che riguarda Ilaria D’Amico, che dopo anni passati a La7 e dopo un anno positivo con le sue inchieste di Exit, passa a Sky, con un contratto in esclusiva di tre anni. Ritornerà ad occuparsi di calcio, ma non solo.

Daria Bignardi e le sue Invasioni Barbariche, non torneranno a settembre su La7, ma dovrà aspettare qualche mese, forse, non è dato sapere!

About Nicola Zamperetti

Nato a Valdagno (VI) nel 1978, da un decennio lavora nel mondo dello spettacolo come performer teatrale e attore. Ha partecipato a molti programmi come "Sarabanda" "Domenica In" "Carramba che fortuna"... Scopre l'amore per il teatro, soprattutto per i Musical (Grease,Il Ritratto di Dorian Gray e A Chorus line) e per le Fiction (La Ladra, Il Peccato e la Vergogna e Donna detective). E' cresciuto guardando la tv e si definisce figlio del tubo catodico. Promette di essere ironico, tagliente e cinico nei suoi Articoli.

5 Comments

  1. rosa

    giugno 23, 2011 at 10:37

    CERTAMENTE LORELLA CUCCARINI E’ ANCORA LA “PUPILLA” DI PIPPO BAUDO

  2. Nicola Zamperetti

    giugno 23, 2011 at 14:45

    Ciao Rosa, credo che Baudo stavolta non centri. Grazie per essere passata

  3. Pingback: Massimo Liofredi: “Victoria Cabello è inadatta a ‘Quelli che il calcio’, meglio Belen Rodriguez. Non condivido il Palinsesto” | LaNostraTv

  4. Pingback: Il cellulare più chic esiste

  5. gyul

    ottobre 25, 2011 at 19:26

    balivo vallettopoli?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *