Ballando con le stelle vs Baila, a Mediaset negano plagio

By on luglio 9, 2011
ballando con le stelle

E’ guerra aperta ormai tra la Rai, o meglio Milly Carlucci (nella foto a sinistra) e Mediaset. La conduttrice di Ballando con le stelle sostiene che il nuovo programma di Cologno Monzese dedicato al ballo in verità non ha nulla di nuovo e non è altro che una copia di quello che ormai da anni va in onda su Rai Uno. La sorella della deputata del Pdl Gabriella è pronta a passare alle vie legali e anche la tv di Stato sembra pronta a sostenerla. La reazione di Mediaset rispetto agli affondi di Milly non si è certo fatta attendere. “Baila! – ha detto qualche giorno fa Piers Silvio Berlusconiè l’adattamento italiano del format sudamericano Bailando por un sueno! da noi regolarmente acquistato. È un talent di ballo con la peculiarità di coinvolgere vip e persone comuni. Il talent di ballo è un format che funziona nelle tv commerciali di tutto il mondo e – ha detto ancora il figlio del premier – non ci sognamo certo di affermare che l’unico reality sia Grande Fratello o l’unico talent di canto sia Amici”.

Per Roberto Cenci, direttore artistico di Baila!, non si può parlare assolutamente di plagio. Cenci invita la Carlucci a maggiore cautela, anche perché in tv casi di questo genere sono all’ordine del giorno: “Tutti noi facciamo talent e il talent non si fa giocando a bocce – ha spiegato il direttore della trasmissione Mediaset al Giornale. – Nel 1994-’95 ho fatto Campioni di ballo con Lorella Cuccarini dove si sfidavano copie di professionisti, ma non mi sono mai sognato di dire che la Carlucci mi ha imitato. E non mi sono mai lamentato quando la Rai ha tenuto e rifatto Ti lascio una canzone chiamandolo Io canto. Cerchiamo di mantenere il format sudamericano personalizzandolo come si fa con tutti i format del mondo. E c’è un’altra differenza fondamentale tra noi e loro; loro usano ballerini professionisti e campioni di danza, noi Vip ma anche gente comune, macellai, salumieri, che poi ballano anche in modo magnifico. Non vedo il plagio. Insomma rilassiamoci – ha aggiunto Cenci –  io cerco di fare il regista e il direttore artistico divertendomi“.

Effettivamente, come dargli torto: la tv è strapiena di programmi simili tra loro e in alcuni casi è stupacente come ne vengano tutelati i diritti d’autore. Ma quale creatività si tutela? Forse il discorso su Ballando e Baila è un po’ più complesso, ma resta il fatto che di cose davvero nuove, sul piccolo schermo, ultimamente se ne vedono davvero pochissime. Suggerimenti?

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

3 Comments

  1. Pingback: Ballando con le stelle vs Baila, Rita Dalla Chiesa: non si inventa più nulla | LaNostraTv

  2. Pingback: Milly Carlucci vs Baila: decida il giudice se c’è plagio o no | LaNostraTv

  3. Pingback: Barbara D’Urso: ho 54 anni e sono molto corteggiata | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *