E’ morto Giuseppe D’Avanzo, scrisse anche Il capo dei capi

By on luglio 30, 2011
giuseppe d'avanzo

Il mondo del giornalismo è in lutto. E’ morto oggi Giuseppe D’Avanzo, 57 anni: la causa un infarto. Era tra le firme più importanti del quotidiano la Repubblica. Ma D’Avanzo era anche, sicuramente, tra i più brillanti e corragiosi giornalisti d’inchiesta del nostro Paese. Non è esagerato dire che lo si può considerare tra i migliori in assoluto degli ultimi decenni. Nato a Napoli nel 1953, laureato in Filosofia, il cronista aveva lavorato per il Corriere della Sera fino al 2000.

Numerosissime le sue inchieste: sempre molto dettagliate, precise e incisive. Tra esse ci sono anche quella sul rapimento di Abu Omar ad opera dei servizi segreti e quella sul giro di prostitute legate a Giampiero Tarantini. E sempre di Giuseppe D’Avanzo sono le 10 domande rivolte al premier Silvio Berlusconi dopo che era scoppiato il caso Noemi Letizia. Noi vi riproponiano i quesiti, rimasti diverse settimane senza risposta: 1) Signor Presidente, come e quando ha conosciuto il padre di Noemi Letizia? 2) Nel corso di questa amicizia, quante volte vi siete incontrati e dove? 3) Come descriverebbe le ragioni della sua amicizia con Benedetto Elio Letizia? 4) Perché ha discusso delle candidature con Letizia che non è neanche iscritto al Pdl? 5) Quando ha avuto modo di conoscere Noemi Letizia? 6) Quante volte ha avuto modo di incontrare Noemi Letizia e dove? 7) Lei si occupa di Noemi e del suo futuro e sostiene economicamente la famiglia Letizia? 8 ) E’ vero che lei ha promesso di favorire la sua carriera nello spettacolo o in politica? 9) Veronica Lario ha detto che lei “frequenta minorenni”. Ce ne sono altre che incontra o ‘alleva’? 10) Sua moglie dice che “non sta bene” e che andrebbe aiutato. Quali sono le sue condizioni di salute?

Gli appassionati del mondo dell’informazione ricorderanno anche il duello a distanza, a colpi di articoli, tra il giornalista di Repubblica e Marco Travaglio, che allora scriveva per lo stesso giornale. La polemica partiva dalle critiche fatte dal vice direttore del Fatto Quotidiano al presidente del senato Renato Schifani e sfociava in una sorta di epistemologia del giornalismo.

Assieme ad Attilio Bolzoni, Giuseppe D’Avanzo ha scritto per Rizzoli Il Capo dei capi. Vita e carriera criminale di Totò Riina. Dal libro è stata tratta l’omonima e celebre miniserie Tv trasmessa da Canale 5.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *