Freaks! conquista il web e il Telefilm Festival: un grande successo con poche risorse

By on luglio 3, 2011
freaks!-serie-tv-cast

Qual è la serie tv più vista in Italia? CSI, Grey’s anathomy? No! Dr. House, Desperate housewives? Macchè! Dimenticate per un attimo di sdraiarvi comodamente sul vostro divano e piazzatevi invece davanti al computer. Scoprirete facilmente che con ben 8 milioni di visualizzazioni sul canale YouTube in soli due mesi, e oltre 50mila accaniti fan tra Facebook e Twitter, la produzione italiana Freaks! si aggiudica il premio di serie televisiva più seguita nel Belpaese, e il premio – più prestigioso – di migliore serie italiana dell’anno al Telefilm Festival 2011. Guglielmo Scilla, Claudio Di Biagio, Giampaolo Speziale (cantante degli About Wayne autori della colonna sonora) e Matteo Bruno, sono quattro ragazzi romani al di sotto dei 25 anni che hanno unito le loro argute menti e hanno prodotto Freaks! con appena 2mila euro. I primi due si sono occupati della sceneggiatura, mentre l’ultimo si è occupato della parte tecnica. Le due protagoniste femminili della serie – Viola e Giulia – sono state selezionate su internet gratuitamente.

La trama, finora sviluppata in sole sette puntate e ambientata totalmente a Roma, racconta di cinque ragazzi che non riescono bene a gestire i loro superpoteri. Almeno inizialmente… Vedremo più avanti cosa succederà. Freaks! 2 è previsto infatti per gennaio 2012. Una piccola anticipazione dei protagoisti: “Abbiamo volutamente lasciato aperti numerosi interrogativi che troveranno risposta nella seconda serie. Tutti i personaggi evolveranno, come uomini e come supereroi e affronteranno prove che li porteranno anche molto lontano. Intanto, i quattro ragazzi, che rischiano ora di diventare famosissimi in tutta Italia, sono rimasti colpiti dal numero di fan che li hanno attesi al Telefilm Festival: “Quando siamo andanti al Telefilm Festival di Milano, per ritirare il premio come migliore serie Tv italiana del 2011, ci siamo accorti di quanti fan ci seguono anche al Nord, ci siamo resi conto di essere usciti dal circuito dell’underground romano, e di essere diventati un fenomeno nazionale”. Poi hanno raccontato come è nata l’idea di produrre una serie. Secondo loro gli ingredienti sono semplici: raccogliere nuovi spunti per una storia inedita e collaborare tutti insieme per riunire il maggior numero di persone da “avviare” alla diffusione della serie. Mettici anche il fatto che i loro volti, su YouTube, non erano del tutto sconosciuti… Guglielmo, Claudio, Matteo e Giampaolo hanno le idee ben chiare e non vogliono fermarsi qui. Sperano ovviamente di poter sbarcare sul piccolo schermo anche se ritengono prioritaria la visibilità via internet. Tra l’altro dopo quest’iniziativa sono stati moltissimi i giovani che hanno seguito l’esempio inventando e giocando con il web per produrre altre serie.

Loro ce l’hanno fatta. E vista la precaria situazione lavorativa nel nostro Paese, fuori le idee e rimbocchiamoci le maniche!

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *