Omicidio Melania Rea: Salvatore Parolisi arrestato

By on luglio 19, 2011
Arrestato Salvatore Parolisi Omicidio Melania Rea

Salvatore Parolisi è uscito allo scoperto. Secondo i carabinieri è stato lui ad uccidere la bellissima Melania Rea. Salvatore ha privato sua figlia dell’affetto materno, la stessa figlia che ora rischia di rimanere orfana di entrambi i genitori: infatti suo padre rischia l’ergastolo per omicidio aggravato dalla crudeltà. Lui che, anzichè aiutare i militari nella ricerca della moglie, preferiva cancellare il suo profilo Facebook e poi buttare il suo telefono cellulare. La ragione principale, e forse anche il movente dell’omicidio, è che aveva una relazione con Ludovica – la sua amante – la stessa che aveva addestrato nella caserma di Ascoli Piceno. Lui aveva dichiarato di amare alla follia la moglie e che aveva giurato di non voler più rilasciare interviste. Peccato che, oltre a concedersi alle domande dei giornalisti, ha preso parte a note trasmissioni tv come “Quarto Grado”, intervistato dal carismatico Salvo Sottile.

Il caporalmaggiore dell’esercito si difende con un sonoro: “Io in carcere, l’assassino di mia moglie a piede libero. Sono innocente”. Peccato che abbia mentito per mesi e mesi, peccato che tradisse continuamente sua moglie e peccato che il nome del presunto assassino non sia ancora uscito (lui è l’unico indagato, ndr). Parolisi avrebbe fatto tutto da solo e avrebbe infierito sulla donna anche dopo la morte. I due sposi non sarebbero mai stati in quel parco, non avrebbero mai fatto alcun pic-nic nè lei sarebbe andata in bagno e poi al bar.

La famiglia Rea ha sempre difeso Parolisi, giudicandolo come un bravo ragazzo e dichiarando di non essere a conoscenza dei problemi della giovane coppia. Il fratello di Melania, Michele, che aveva sempre mostrato stima per Parolisi, oggi ha dichiarato – con un magone allo stomaco: “E’ la fine di un incubo. A Salvatore abbiamo sempre voluto bene, non ce l’aspettavamo. Per i miei era come un figlio”. Il legale della famiglia chiede l’affido della figlia Vittoria ai nonni materni. “Io non ho niente da preoccuparmi la mia coscienza è pulita, non ho paura di dover sopportare questa ristrettezza, anche il carcere, per poter dimostrare la mia innocenza” ha concluso Parolisi.

Melania sarebbe morta, dopo un’agonia di dieci minuti, per emorragia da dissanguamento. La famiglia Rea ribatte: “Gli auguriamo tutto il male possibile”. La procura di Ascoli precisa: “Le indagini non sono ancora finite”.

About Fabio Giuffrida

One Comment

  1. Pingback: “Quarto Grado” avrà un laboratorio in stile Ris | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *