Pier Silvio Berlusconi: “A Mediaset sono tutti liberi. LA7 presto potrebbe crollare”

By on luglio 16, 2011
Pier Silvio Berlusconi Mediaset

Pier Silvio Berlusconi, figlio del Premier Silvio Berlusconi, compagno della conduttrice di “Verissimo” Silvia Toffanin, vicepresidente del Gruppo Mediaset, non si sottrae mai al suo dovere. Non mischia politica con lavoro, vicende personali con quelle professionali. Vuole il bene della sua Azienda e ama rischiare, sperimentare e stupire. E’ un giovane pieno di idee. “Mediaset è percepita come regina delle tv generaliste, ma in realtà negli ultimi anni, con coraggio, abbiamo innovato molto: dal lancio dei canali tematici, alla costruzione da zero di Premium e alla prima vera offerta on demand. Ora partirà la nostra all news, che è un sistema di informazione che porta contenuti anche su smartphone, tablet e pc” dichiara Pier Silvio Berlusconi. E’ innegabile che il Gruppo del Biscione ha reagito coraggiosamente e brillantemente alle sfide del secolo. Non si è fossilizzata, anzi si è modernizzata. Il canale all news è l’ultima scoppiettante idea, un modo per informare continuamente i telespettatori, un po’ alla Sky.

E su Michele Santoro dichiara: Le garanzie di libertà d’espressione, date a Santoro quando sbarcò a Mediaset per fare Moby Dick, le offriamo a tutti quelli che lavorano a Mediaset. E su LA7: “Non è una crescita strutturale, fanno ascolti solo alcuni programmi di attualità politica e c’è il rischio che, se la situazione dovesse raffreddarsi, l’audience potrebbe scendere. Michele Santoro non ha pace, Mediaset non lo vuole, la RAI l’ha cacciato, con LA7 non riesce a stringere un accordo. Ora potrebbe approdare su Telelombardia.

“Sarebbe stato sbagliato stare fermi e subire passivamente la frammentazione degli ascolti. Così va il mondo e questo è il futuro. Ci saranno nuovi investimenti sull’intrattenimento che è costoso ma porta ascolti e unicità d’offerta” continua il Presidentissimo. Tra le “conquiste” di Mediaset: Checco Zalone, Giorgio Panariello – in black out dal piccolo schermo da 7 anni –, Luca e Paoloforse con un nuovo Scherzi a parte, dopo il successone a Sanremo . Riconfermato anche il Grande Fratello 12, con 32 puntate: “E’ importante avere prodotti forti che garantiscono ascolti per tante settimane consecutive“. Ritorna il quiz in prima serata con “Money Drop” condotto dal sempre-grasso Gerry Scotti che condurrà pure “Io canto”: “Abbiamo deciso di rischiare e riportare il quiz in prima serata come faceva Mike”. E dopo la copia di Ti lascio una canzone, arriva anche “Baila”, condotto da Barbara D’Urso. E sulla minaccia di querela a Mediaset, lanciata dalla biondissima Milly Carlucci, Pier Silvio Berlusconi risponde seccamente: “Nessuno ha l’esclusiva sul canto, sul ballo e sulla comicità“. Grande ritorno anche per Paolo Bonolis con “Avanti un altro”, prima del TG5.

Poi si scaglia contro Sky per la chiusura di Mediaset Plus: “Questo livello di aggressione non è normale, questa loro tendenza alla lite fa male a tutti, a noi, a loro e ai telespettatori”. E per finire: “Non esiste al mondo un’offerta tanto varia ed originale (e costosa) come quella della tv italiana, che per giunta è gratuita per il telespettatore. Non parlo solo di Mediaset, ci metto anche la Rai. Noi continuiamo a produrre, a inventare, a rischiare. Certo, ci possono essere idee sbagliate, alcune cose che funzionano e altre no, ma tutto questo alimenta l’industria della cultura e dello spettacolo italiani conclude Pier Silvio Berlusconi.

About Fabio Giuffrida

One Comment

  1. Adelmo

    luglio 18, 2011 at 16:13:21

    Come no, a Mediaset sono tutti liberi, come dice Fidel Castro a Cuba e Chavez in Venezuela. La7 crollerà? Se cresce troppo papà Silvio può fare sempre qualche leggina ad hoc!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *