Pier Silvio Berlusconi: “Volevo Floris, Santoro è un bravo politico ma da noi no. Sky sta raschiando il barile”

By on luglio 1, 2011
palinsesto-mediaset

text-align: center;”>Pier Silvio Berlusconi Palinsesto Mediaset Foto

Mi sarebbe piaciuto avere Floris perchè il suo programma sulle nostre reti sarebbe stato perfetto. Santoro non è un conduttore, fa ormai il politico, è bravissimo e fa ascolti pazzeschi, ma prenderlo da noi no. Queste le dichiarazioni di Pier Silvio Berlusconi rilasciate nel corso della Mediaset Night, la tradizionale serata-evento di Cologno Monzese -condotta quest’anno da Claudio Bisio e Paola Cortellesi– durante la quale viene presentato il nuovo Palinsesto dell’azienda del Biscione.

Berlusconi Junior continua poi con una frecciatina alla pay per view television di Murdoch, che ha firmato un contratto in esclusiva per due anni a Simona Ventura: “Forse le mosse di Sky che va a fare intrattenimento dicono che sono arrivati a raschiare il barile per fare qualche abbonato in più. L’intrattenimento non è un genere in nessuna parte del mondo da tv a pagamento ma appartiene a quella free.

La televisione italiana continua a crescere e ha sempre più presa sugli italiani. I telespettatori oggi sono 49 milioni nell’intera giornata e sono cresciuti di 1,6 milioni rispetto al 2007 data in cui ha preso il via la vera rivoluzione del digitale terrestre. In questo scenario è sempre la televisione generalista a fare la parte del leone: nei primi 6 mesi del 2011 le reti nazionali nel loro complesso hanno raggiunto il 73% nel totale di ascolto, nonostante una presenza vastissima di nuovi canali sia free che a pagamento”. Berlusconi, apparso sereno ed entusiasta del nuovo palinsesto -per nulla preoccupato della diminuzione degli introiti pubblicitari (“Noi caliamo meno degli altri mercati“)- ha annunciato che “Nel 2011 Mediaset investirà oltre 1 miliardo e mezzo di Euro in prodotto italiano tra free e pay“.

Pier Silvio Berlusconi Palinsesto Mediaset Night Foto“Lasciamo parlare i numeri. In quattro anni il nostro ascolto è cresciuto del 3,2% nelle 24 ore nonostante un aumento enorme della concorrenza. E a noi, televisione commerciale, interessa soprattutto essere primi sui target più pregiati. Sul pubblico più attratto dalle nuove tecnologie, il più difficile da raggiungere (15-34 anni), siamo a oltre il 45% di share nelle 24 ore contro il 28% della Rai. In questa fascia di età Canale 5 è prima e Italia 1 è seconda rete”. Per quanto riguarda la Pay per View di Mediaset Premium, Berlusconi prevede una crescita del 20% nel prossimo semestre: “Siamo a 4 milioni 400 mila tessere attive, di cui 2 milioni di abbonamenti anche se 2 milioni di tessere prepagate il 30 giugno scadranno come sempre per motivi di sicurezza. Fino ad oggi abbiamo recuperato comunque tutti i clienti persi, il numero degli abbonamenti continua a salire e in termini di ricavi siamo saliti al 50% l’anno scorso e quest’anno stimiamo una crescita del 20% con un aumento degli abbonati di 300.000 unità solo negli ultimi sei mesi“.

Nonostante gli introiti pubblicitari di Mediaset siano fortemente calati nel primo semestre del 2011, nonostante la nuova fortissima concorrenza di La7 prevista per il prossimo autunno -che in realtà toglierà più telespettatori a Rai che a Mediaset, come sta già avvenendo- e nonostante un palinsesto debole e privo di grosse novità, Pier Silvio si dimostra più che mai entusiasta dei futuri progetti della Rete. Un vizietto di famiglia, probabilente.

About Matteo

Nato e residente in provincia di Lecce, è il più giovane tra i Redattori de LaNostraTv.it. Frequenta il Liceo Linguistico e adora il calcio (ma solo quello in Tv), la lettura (in particolare la saga di 'Harry Potter' e la magica penna di J.K. Rowling), il mondo dell'Interior Design, la Filosofia, la musica e naturalmente la televisione . La passione per la scrittura e per il giornalismo ha sempre accompagnato il suo percorso scolastico e non. Per il futuro ha molti sogni e parecchie ambizioni, ma anche tanta confusione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *