Rai, Rizzo Nervo: si vuol chiudere Report con un pretesto

By on luglio 19, 2011
report

Se Annozero è ormai stato abbattuto, Report ha anche qualche chance di andare in onda nella prossima stagione. Quante? Molte, secondo il direttore generale della Rai, Lorenza Lei, che ha detto che farà il massimo per fare lavorare Milena Gabanelli. La realtà dei fatti è ben diversa. Il popolare programma trasmesso da Rai Tre rischia di fare la stessa fine di Annozero. Viale Mazzini, infatti, non vuole proprio saperne di garantire la tutela legale di Report. La Gabanelli, dal canto suo, ha più volte sostenuto che non accetterà nessun contratto che non preveda lo scudo di Viale Mazzini. Troppo rischioso produrre inchieste per le quali qualcuno potrebbe chiedere anche risarcimenti milionari. E’ già successo in passato e gli autori di Report hanno avuto sempre ragione. Ma ciò non vuol dire che si possa fare a meno di qualche garanzia.

Per Nino Rizzo Nervo, esponente del cda Rai, chiudere Report sarebbe un grosso errore. “L’ostinazione messa in campo per negare a Milena Gabanelli quella tutela legale che le era stata sempre riconosciuta, come doveroso ombrello protettivo deciso dall’editore per garantire la messa in onda del suo più importante programma d’inchiesta, sta producendo un clamoroso autogol: privare della difesa nel caso di citazioni penali e civili tutti i giornalisti della Rai“. Lo ha scritto Rizzo Nervo sul quotidiano Europa. “Nessuno si scandalizzi se può sorgere il sospetto che le pressioni per non riproporre Report nella prossima stagione siano talmente ‘autorevoli’ da decidere di sacrificare non solo Milena Gabanelli ma – ha scritto ancora Rizzo Nervo – tutti i giornalisti che lavorano per la Rai, sia esterni che interni. Una sorta di ‘muoia Sansone con tutti i filistei‘”.

Per Rizzo Nervo il pretesto che sta usando Viale Mazzini è quello di non dare la tutela legale a Report in quanto per le amministrazioni pubbliche è vietato sostenere legalmente i propri dipendenti. Secondo l’esponente del cda, però, questa norma non può valere per l’informazione, altrimenti si nega la libertà di esprimere le proprie opinioni.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

One Comment

  1. Pingback: Milena Gabanelli: Report non è mica La prova del cuoco | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *