Report, Milena Gabanelli: vietato contraddire Tremonti

By on luglio 18, 2011
giulio tremonti

Al di là delle ultime dichiarazioni del dg Rai Lorenza Lei, Report continua a rischiare di non andare in onda nella prossima stagione. Ne è ben consapevole la conduttrice del programma di inchieste, Milena Gabanelli. Che non ne fa un dramma, pur consapevole che la libertà d’informazione, nel nostro paese, vive un periodo difficilissimo. Per la giornalista il problema alla base di tutto è la politica, la sua invadenza nelle dinamiche della tv di Stato. La politica pone grossi limiti alla libertà d’informare, anche perché troppi dirigenti sono incompetenti e non hanno a cuore la riuscita del prodotto editoriale.

Molti di coloro che amministrano la Rai non sanno come si fa un’inchiesta, partono dal presupposto che la critica al politico sia di natura ideologica – ha spiegato al Fatto la Gabanelli. – Mi sono sempre chiesta: gli amministratori del quinto gruppo editoriale europeo sono stati nominati per far funzionare l’azienda o per gestire l’interesse politico, oltre alle loro personali clientele? Che competenze hanno? Non ho mai visto un consigliere o un direttore generale visitare i luoghi dove si realizzano i prodotti che permettono alla Rai di esistere, per rendersi conto dello stato di degrado delle redazioni o dell’arretratezza tecnologica delle salette di montaggio. Credo che non si pongano nemmeno il problema, perché a loro è chiesta fedeltà politica, non conoscenza del mezzo“.

Come detto, nella prossima stagione il programma di Rai Tre potrebbe non comparire nel palinsesto. Per la giornalista ciò sarebbe legato alle critiche fatte da Report al ministro dell’economia Giulio Tremonti (nella foto). “Non sono complottista per natura, ma non posso non considerare il fatto che l’attuale direttore generale Lei abbia sempre espresso stima nei miei confronti e del programma, e quindi cosa la costringe a rallentare tutto? Deduco che l’azionista, ovvero Giulio Tremonti, stia usando il suo potere per creare ostacoli. Naturalmente – ha detto la conduttrice e autrice di Report – è solo una mia opinione. Però Tremonti è il ministro che da quasi dieci anni firma la politica economica del Paese. In diverse occasioni lo abbiamo criticato e lui, più di altri, non ama essere contraddetto e sbugiardato“.

Per la Gabanelli, in Italia si sta facendo avanti uno strano concetto legato all’obiettività dell’informazione. Se si critica qualcosa, occorre intervistare anche dire qualcosa di positivo su di essa. “Vien da pensare che anche quando si parlerà di un omicida, per riequilibrare, occorrerà trovare qualcuno che dichiari che il colpevole ha avuto un’infanzia difficile“. E come si farà con lo sport? Se una la squadra A vince 5-0, qualcuno dovrà dire che in verità è stata la squadra B a vincere 5-0. E’ un paese, il nostro, in cui il delirio è ormai normalità. E delirante sarebbe mandare a casa una delle più brave giornaliste della tv italiana, come Milena Gabanelli. Andrà così? Non ci stupiremmo. Ma di certo ci indigneremmo, assieme ai milioni di telespettatori di Report.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

One Comment

  1. Pingback: Rai: via libera a Report di Milena Gabanelli | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *