Spese folli e crollo Tg1, Augusto Minzolini è sotto assedio

By on luglio 15, 2011
augusto minzolini

Periodo nero per Augusto Minzolini (nella foto). Il direttore del Tg1 è passato da intoccabile a bersaglio preferito di Viale Mazzini. Il suo notiziario continua a perdere telespettatori, tant’è che persino il sobrio Paolo Garimberti ha osato bacchettarlo. Il numero uno della Rai aveva detto che il problema del tg più vecchio della tv italiana non è solo quantitativo, ma anche qualitativo. Mancano le notizie, anche se il giornalista la pensa in maniera radicalmente opposta.

Secondo quanto scrive Il Fatto Quotidiano, il cda della Rai si starebbe preparando a licenziare Minzolini entro il mese di settembre. Ma c’è ancora di più. Durante l’interrogatorio con il procuratore aggiunto Alberto Caperna, il quale sta indagando per le sue spese folli fatte con la carta di credito aziendale: 68mila euro in un anno e tre mesi. Fatti i calcoli, si tratta del doppio di quanto speso dal presidente e dal direttore generale.

Ieri, molto a sorpresa, il direttorissimo ha saputo che ha preso le distanze da lui anche Mauro Masi, ovvero l’ex dg di Viale Mazzini (ora al suo posto c’è Lorenza Lei) . Proprio così. Il giornale di Marco Travaglio sostiene che “durante le due ore di colloquio, a un certo punto il procuratore cala l’asso: un verbale del 16 giugno in cui Masi dichiara di non aver mai autorizzato i rimborsi spese del direttorissimo. Minzolini a quel punto è saltato sulla sedia, limitandosi a ripetere che aveva restituito tutti i soldi. Peccato – si legge ancora sul Fatto – che non sia riuscito a giustificare i dettagli delle singole trasferte. Molte delle quali sono state fatte nei fine settimana, fra cui un weekend a Grosseto da 550 euro a notte al prestigioso Saturnia Resort”.

Per la vicenda delle spese folli con la carta di credito, l’ex notista politico de La Stampa rischia il rinvio a giudizio per peculato. Per la Rai non è che una delle tante situazioni imbarazzanti di quest’anno. Chi pensava che l’arrivo di Lorenza Lei potesse segnare una svolta positiva è rimasto molto deluso. Intanto gli abbonati oltre al danno temono la beffa. Il canone Rai potrebbe aumentare vistosamente per fare fronte ai crescenti sprechi e ai minori incassi pubblicitari.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

2 Comments

  1. Pingback: Verro attacca Milena Gabanelli: Report, trasmissione di teoremi | LaNostraTv

  2. Pingback: Tg1, Alemanno rimprovera Minzolini e scoppia la polemica | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *