Tripoli è assediata, una presentatrice tv minaccia in diretta i ribelli

By on agosto 21, 2011
guerra-Libia-2011-esplosione-tripoli

text-align: center;”>Guerra Libia Assedio Tripoli Foto

Mentre a Tripoli i ribelli contro il governo di Gheddafi sono alla stretta finale, e in città si sprecano violenze, esplosioni e morti, anche nella zona di Tajoura, sobborgo a est della capitale la folla è scesa in strada per rivoltarsi contro il regime. Così si combatte la guerra in Libia. I combattenti di Bengasi hanno dichiarato che questa è “l’ora zero”, mentre  il regime ha assciurato che Tripoli “è circondata da migliaia di persone che la difendono”, spinte dal governo a “scendere nelle piazze ed eliminare gli agenti armati” tramite un sms. A dirlo è Mussa Ibrahim, portavoce di Gheddafi, secondo il quale la città è salva. Ma intanto per tutta la notte sono proseguiti gli scontri, arrivati poi all’aeroporto di Mitiga, dove si sono registrati un numero imprecisato di vittime. A tutto questo si aggiunge un incredibile video che sta facendo il giro del mondo e che ritrae una presentatrice tv che minaccia i ribelli in diretta:

“Siamo tutti armati e pronti a difenderci e pronti al martirio”, ha urlato la ragazza, sui trent’anni e con una pistola in mano. Il monito è per i ribelli che ipotizzano un attacco all’edificio della tv di Stato. Si tratta di un avvenimento unico, che descrive in pochi minuti la drammaticità di una situazione ormai insostenibile e completamente fuori controllo. Tanti sono stati i commenti e tanti i messaggi anti-Gheddafi che gli utenti hanno lanciato nel video pubblicato su Youtube. Lo sconcerto per l’episodio non ha fermato Saif al Islam, figlio di Gheddafi, che è apparso in tv sostenendo che il regime non abbandonerà mai la battaglia. Se volete la pace – ha detto ai ribelli –  siamo pronti”. A fargli eco anche una registrazione dello stesso leader libico: “Bisogna mettere fine a questa mascherata. Voi dovete marciare a milioni per liberare le città distrutte”. Intanto è proprio di queste ore la notizia confermata dal Ministro della Difesa Ignazio La Russa: il numero due del regime Abdessalem Jalloud fuggito venerdì da Tripoli è in Italia.

E la crisi libica continua senza tregua…

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *