La7, L’Infedele di Gad Lerner torna il 5 settembre

By on settembre 1, 2011
gad lerner

Mancano pochissimi giorni, ormai, all’inizio della nuova stagione televisiva. A la7 è tutto pronto. Già il 5 settembre, come al solito di lunedì e in prima serata, tornerà Gad Lerner (nella foto) con L’Infedele. Il programma, giunto alla decima edizione, dal gennaio 2011 ha totalizzato uno share superiore al 6% e 1 milione e mezzo di telespettatori di media. Vista la grande crescita della rete di Telecom Italia Media, è chiaro che il talk show dedicato alla politica, l’economia, la cultura e la società italiane possa fare segnare cifre ancora migliori. Proprio a questo mira Gad Lerner. Oggi il giornalista, anche per lanciare la trasmissione, è stato “ospite” di In Onda, il programma condotto da Luca Telese e Luisella Costamagna. In studio c’era anche il senatore del Pdl Maurizio Gasparri. Argomento della discussione lo stesso di cui si parlerà nella prima puntata dell’Infedele: la manovra finanziaria.

Come facilmente prevedibile, Lerner ha espresso una posizione molto critica nei confronti del governo Berlusconi. “Siamo amministrati da una classe politica incompetente, che cambia decisioni in maniera repentina. Da una parte, visto che ora è scomparso il contributo di solidarietà, sono contento, perché ho risparmiato decine di migliaia di euro. Dall’altra parte, però, sono preoccupato per il paese, perché questo governo è inaffidabile e lo sanno anche gli investitori internazionali. Siamo in mezzo alla speculazione – ha aggiunto il conduttore de L’Infedele – nelle scorse settimane abbiamo rischiato seriamente la bancarotta. Si è deciso in fretta e furia di rifare la manovra. E la Germania ha deciso di salvarci comprando i nostri titoli di Stato. Altrimenti, chi li avrebbe acquistati?”.

Sappiamo bene che uno dei grossi problemi dell’Italia è l’evasione fiscale – ha detto Lerner. – A proposito: non è che ci sarà l’ennesima sanatoria, un altro condono? Ai tempi del governo Prodi, Visco fece una lotta molto seria ed efficare contro l’evasione. Di fatti fu un ministro molto impopolare. Fu criticatissimo sia dai cittadini, sia dall’allora opposizione di centrodestra. Ora il governo, di centrodestra, parla di lotta dura all’evasione, ma c’è da fidarsi? In Italia appena 70mila contribuenti dichiarano più di 200mila euro l’anno. E’ un fatto assurdo. Ma chi ci crede che i ricchi siano così pochi? Soltanto ogni anno si vendono 200mila Suv! Bisogna colpire i patrimoni e dunque – ha aggiunto il giornalista – chi vive di rendita. E’ quello che questo governo non fa”.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

2 Comments

  1. Pingback: Gad Lerner: Michele Santoro può ancora andare a la7 | LaNostraTv

  2. Pingback: Stasera in tv: su la7 c’è L’Infedele di Gad Lerner | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *