La7, Mentana spera ancora che arrivi Michele Santoro

By on settembre 1, 2011
enrico mentana

Dopo quasi due mesi di silenzio attorno al futuro professionale di Michele Santoro, ora se ne parla di nuovo con grande insistenza. Il quotidiano Libero sostiene che il giornalista presenterà il suo nuovo progetto editoriale a metà settembre. Santoro dovrebbe replicare l’esperienza di Rai per una notte e Tutti in piedi, con cui si è puntato tutto sull’integrazione tra satellitare, digitale, tv locali e internet. Per il quotidiano della famiglia Berlusconi, la nuova trasmissione (che dovrebbe intitolarsi Senza Rete) sarà finanziata anche dal Fatto Quotidiano e dall’imprenditore dei media Parenzo. Marco Travaglio e Vauro sarebbero farebbero parte del nuovo progetto, anche se di conferme ufficiali, al momento, non ce ne sono. Ad ogni modo, le indiscrezioni lanciate da Libero, se non del tutto vere, appaiono verosimili. Ne sapremo di più certamente nei prossimi giorni.

Intanto Enrico Mentana (nella foto) è tornato a parlare del mancato arrivo a la7 del collega, campione di ascolti con Annozero. Secondo l’ex direttore del Tg5, Santoro avrebbe potuto essere una risorsa in più per la rete, che ha già nomi importanti, come Gad Lerner, Lilli Gruber, Luca Telese, Corrado Formigli (già inviato di Annozero e ora alla conduzione di Exit – uscita di sicurezza), ma anche Filippo Facci e Nicola Porro. Mentana ritiene che il no di Giovanni Stella a Santoro non sia legato alla mancanza di libertà di la7, ma a ragioni diverse, anche se non spiega bene quali.

Marco Travaglio, invece, accusa l’amministratore delegato di Telecom Italia Media di ipocrisia. Per il vice direttore de Il Fatto Quotidiano, la7 voleva togliere libertà e indipendenza all’ex conduttore di Annozero. Santoro, tra l’altro, era disposto a legare il suo stipendio allo share. Il problema, dunque, non è stato economico, ma editoriale. Viene da chiedersi perché la rete di Telecom abbia voluto iniziare la trattativa con l’ex europarlamentare, se l’obiettivo era quello di limitarne, in qualche modo, il raggio d’azione. C’è stato qualche intervento dall’alto in itinere? Santoro ha più volte detto di essere di questo avviso e si ritiene ancora una volta vittima del conflitto d’interessi.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *