Michele Santoro sul caso Dandini: la censura ha colpito ancora

By on settembre 16, 2011
serena dandini

Serena Dandini (nella foto, ndr) e la Rai si sono appena detti addio. La conduttrice era intenzionata a proseguire la sua carriera nella tv di Stato, ma il cda – con 5 voti contrari e 4 favorevoli – le ha chiuso le porte in faccia. La trattativa per la messa in onda di Parla con me era durata mesi. Alla fine sembrava essersi trovato l’accordo tra la casa di produzione e la Rai. Il programma sarebbe dovuto partire il 27 settembre: era già nei palinsesti e gli spazi pubblicitari erano già stati venduti. La Fandango, inoltre, aveva limato le spese di produzione, portandole da 34.500 euro a puntata a 32.000 euro. Non è bastato a convincere i vertici della tv pubblica. Che dunque, dopo essersi liberata di Michele Santoro, di Roberto Saviano, Corrado Formigli, perde anche Serena Dandini. Senza dimenticare che la stessa Milena Gabanelli e Report sono stati a lungo in bilico.

In conferenza stampa, la Dandini ha respinto l’accusa di essere avida (“sono pagata bene, ma lavoravo a progetto, non avevo tredicesima, né aspiravo a cariche dirigenziali”) e ha attaccato il dg Lorenza Lei, che “è riuscita laddove nemmeno il predecessore Mauro Masi era riuscito”. La conduttrice ha spiegato che deciderà se intraprendere delle azioni legali e ha parlato del suo futuro professionale. Vuole continuare a fare quello che ha sempre fatto: la7 e Sky sarebbero pronte ad accoglierla. Favorita, per ora, sembra la rete di Telecom Italia Media, che proprio ieri ha lanciato il programma del “neo acquisto” Corrado Formigli: Piazzapulita (1,5 milioni di spettatori tv, 7,5% di share).

Alla conferenza stampa della Dandini era presente anche l’amico Michele Santoro, oltre ai dirigenti della Fandango. Per l’ex conduttore di Annozero (che ha appena annunciato il nuovo progetto multimediale, Comizi d’amore) “si può parlare dell’ennesima censura della Rai. La cosa grave è che ormai anche il vocabolo censura è stato censurato”.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

2 Comments

  1. federica

    settembre 16, 2011 at 16:43

    Era una fine annunciata, purtroppo…. Ogni anno ci si chiedeva se alla Dandini, Santoro o Fazio sarebbe stato ancora “permesso” di essere liberi nella propria attività professionale. E la fine è arrivata, prima per Michele Santoro e poi per Serena Dandini.
    L’unico commento che si possa fare è che in Rai non c’è libertà di espressione, o, anzi, c’è solo la libertà di osannare il Capo.
    Ultimo esempio cronologico è stato il misero, quanto patetico, editoriale del direttore del TG1 Minzolini che ha cercato di difendere il Presidente dagli “attacchi” mediatici! come se il Presidente non avesse uno stuolo di avvocati pronti, giustamente, a difendere il proprio Cliente. Ma è andato oltre il direttore… ha svestito i panni del giornalista per indossare, in un attimo, quelli del parlamentare, arrogandosi, di fatto, il potere di fare una relazione sulla necessità e sulla legittimità di scelte legislative, come quella sulla intercettazioni! Questa è l’Italia libera…

  2. rinalda bianchi

    settembre 17, 2011 at 22:21

    Via Santoro, via Travaglio, Via Vauro, Via Bassignano e Luzzi dalla radio, Via la Dandini, via … via….. A chi toccherà adesso??? BASTA!!! Non possiamo e non dobbiamo più subire decisioni che non riflettono la nostra volontà, la volontà del popolo televisivo!! PROPONGO ASTENSIONE TOTALE DAL PAGAMENTO CANONE RAI PER IL PROSSIMO ANNO… MA DOBBIAMO FARLO DAVVERO E TUTTI!! chissà che non capiscano!!! aiutatemi ad organizzare!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *