Ballarò: gli ospiti di martedì 4 ottobre

By on ottobre 4, 2011
ballarò-rai-3

text-align: center”>ballarò-rai-3

Martedì 4 settembre 2011: continuano le analisi e gli approfondimenti polico – economici di Ballarò, talk – show politico di Rai 3 condotto dal giornalista romano Giovanni Floris. Il programma anche quest’anno sta raccogliendo gli apprezzamenti “bipartizan” di telespettatori, politici e addetti, vincendo ripetutamente la gara di ascolti del martedì sera (prime time). Quali i temi della trasmissione di stasera? Gli argomenti preannunciati riguarderanno il “mondo” delle pensioni, le questioni relative alle privatizzazioni, alle nuove tasse e alla situazione degli enti locali italiani. A discuterne con il padrone di casa, dopo la consueta copertina di Maurizio Crozza, come sempre politici, giornalisti, imprenditori ed economisti.

Tra i politici, il presidente della regione più grande e ricca del paese, Roberto Formigoni, esponente di punta del Popolo delle Libertà, il presidente dell’IdV onorevole Antonio Di Pietro, l’ex Ministro per I Beni Culturali ed ex coordinatore del partito di maggioranza, l’onorevole Sandro Bondi del PdL e infine il giovane (è poco più che trentenne) sindaco di Cagliari Massimo Zedda del centro sinistra.

Tra gli imprenditori, Diego Della Valle e tra gli economisti, la tributarista dottoressa Livia Salvini. Non mancheranno come dicevamo le firme di prestigio. Tra queste quelle del vicedirettore del Corriere della Sera Pierluigi Battista. Come sempre per le considerazioni statistiche, ci saranno i numeri e le valutazioni del presidente della Ipsos  dott. Nando Pagnoncelli.

Un’altra puntata sicuramente scintillante sia per i temi affrontati sia per il mix di opinioni che giungeranno dagli ospiti presenti in studio, ospiti con visioni spesso contrastanti, specie sui temi economici (ma si sà, gli italiani, nessuno escluso, si dividono su tutto, anche sulla Nazionale di calcio…). Non si parlerà però solo di economia, sicuri che parte della trasmissione dovrà riflettere sul tema del momento, ovvero l’ ”antipolitica”, espressione forse un po’ demagogica entrata però nei pensieri di politici, analisti ed elettori italiani.

Non mancherà come preannunciavamo, l’apertura di Maurizio Crozza che come detto più volte su questo blog e come sapete tutti, tornerà su La7 con un nuovo one man show. Già molto divertenti gli spot di presentazione del programma con le imitazioni di Montezemolo e della Merkel.

Appuntamento per ora questa sera ore 21:05 (circa) su Rai Tre per Ballarò.

About Sabino Ferrucci

7 Comments

  1. Giubo

    ottobre 4, 2011 at 15:19

    Battista firma di prestigio?Ma va, è uno dei servetti piu’ripugnanti della corte di Arcore

    • Cesare Beccaria

      ottobre 4, 2011 at 16:49

      i giornalisti berlusconiani garantiscono l’obiettività, la competenza, la professionalità e il successo della trasmissione, vedi biondi, un poveraccio cortigiano, Floris ride finchè guadagna 300 mila euro annui, beato lui, ma non mi farei insultare beppure per quella cifra. brutta trasmissione, riescono a parlare anche in 4. insieme.

  2. Renato Triggiani

    ottobre 4, 2011 at 16:20

    Visto che parlate di pensioni, una cortesia: evidenziate l’incongruenza, rilevata in centinaia di commenti sui vari blog di tutti i giornali, circa l’insistenza nel voler elevare l’età pensionabile, da parte di quelle stesse figure che rappresentano coloro i quali cercano in ogni modo, nelle loro aziende, di buttar fuori i dipendenti non appena si avvicinano ai 55 anni. Pretendere una risposta, grazie.

  3. Michele F

    ottobre 4, 2011 at 17:37

    Bene aver invitato Zedda, cerchiamo di invitare più spesso le facce giovani, e possibilmente oneste, della politica italiana

  4. massimo

    ottobre 4, 2011 at 18:56

    Parlando di pensioni. Ho quasi 57 anni e sono di Pistoia. Faccio autista da più’ di 35 anni. Dopo 60 anni x la mia patente professionale, devo rinnovare patente ogni anno, x il controllo di vista e dati psicologici x eta’ avanzata, da medici specialisti. Spesa sui 100 euro l,anno, mente fino a 60 anni, si puo’ rinnovare ogni 5 anni. Ma se dopo 60 anni diventa un problema trasportare persone, mi dovrebbero dare la pensione e non ricercare finestre e porte, allungando eta’ e crearmi problemi x abilita’ professionale. Vi pregherei di porre questa domanda, a chi vuole alzare pensione a 65 anni. Grazie e buon lavoro. Massimo tel3383995514

  5. Antonio

    ottobre 4, 2011 at 19:24

    Vorrei che fosse chiesto ai politici della maggioranza, che sono ospiti questa sera, se provano almeno un po di imbarazzo nel chiedere l’abbattimento delle pensioni di anzianità, visto che a loro basta stare seduti un giorno in parlamento durante un mandato di 2 anni 6 mesi e un giorno, per avere il vitalizio che supera di gran lunga la pensione che un dipendente riesce a maturare dopo 41 anni di servizio.
    Credo il costo della casta sia una montagna più grande dell’Everest che si trova tra quelle poche migliaia di privileggiati e milioni di famiglie che ormai vivono alla giornata, una montagna che impedisce alle due parti di guardarsi in faccia. Fino a quando questa montagna non sarà buttata giù sarà impossibile ripristinare in Italia quella Democrazia vera (alla De Gasperi maniera) che hanno portato il nostro paese ad essere quello che è stato fino agli anni 70.

  6. maria adelaide

    ottobre 4, 2011 at 21:45

    Bravo Della Valle! Così parla un cittadino, non certo quel lacché di bondi. E tu Floris non devi togliere la parola a gente che vale molto più di te. Questo te lo dice una di sinistra.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *