Mi Manda Rai Tre, questa sera licenziamenti e questione No Tav

By on ottobre 27, 2011
Mi manda Raitre Logo

Questa sera su Rai Tre è andata in onda una nuova puntata dello storico programma Mi Manda Rai Tre, condotto dal bravo giornalista Edoardo Camurri. Questa nuova stagione della trasmissione si sta distinguendo rispetto al passato per un’impronta sicuramente più giornalistica, o meglio, da giornalismo d’inchiesta. Lo aveva affermato qualche tempo fa Camurri stesso in un’intervista a Panorama: Faremo principalmente giornalismo d’inchiesta, andando sui posti in cui gli eventi accadono. Ogni settimana, infatti, un argomento sarà trattato fuori dallo studio, con collegamenti esterni e ospiti in loco”. E anche in questa puntata si sono approfonditi due argomenti attualissimi: i licenziamenti facili e la questione Tav in Val di Susa. Per quanto riguarda il primo tema, Camurri ha voluto dare un taglio quasi politico e strettamente collegato a quello che è successo tra ieri e oggi. Si è chiesto, infatti, se i casi portati in studio da lavoratori licenziati senza giusta causa possano rappresentare quello che verrà dopo la lettera del premier Berlusconi all’Europa. In studio per discutere e capire cosa cambierà per i cittadini c’erano Giampaolo Galli, direttore generale di Confindustria, e Giorgio Cremaschi, presidente del Comitato Centrale Fiom.

La question Tav in Val di Susa, invece, è stata trattata alla fine della puntata, quindi in modo un po’ sbrigativo a causa dei tempi, ma comunque approfondito grazie ad un documento dell’Istant Movie di Presa Diretta, che domenica scorsa era insieme ai manifestanti nei pressi del cantiere custodito da militari, poliziotti e filo spinato come quello che gli Stati Uniti usano al confine col Messico. Mi Manda Rai Tre, dunque, si sta allontanando dalle truffe, forse perché l’argomento è già stato scandagliato abbastanza (e anche le Iene in questo senso fanno la loro parte), e cerca di allargare sempre più il proprio raggio d’azione alle ingiustizie sociali che ogni giorno coinvolgono collettività o i singoli cittadini.

About Martina Fantauzzo

Nata a Milano nel 1981, si è laureata in Scienze della Comunicazione presso lo IULM e ha intrapreso la laurea specialistica in Radiofonia a Siena. Appassionata di televisione e radio, lavora da anni come autrice in un'emittente nazionale e per tre anni si è occupata di un programma che parlava di tv. Non le è sembrato vero passare tutta la giornata a scandagliare il palinsesto televisivo ed essere anche pagata. Si è avverato un sogno.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *