Michele Santoro, vola ancora la raccolta fondi di Servizio Pubblico

By on ottobre 25, 2011
michele santoro

text-align: justify”>michele santoroE’ ufficiale. Il nuovo programma di Michele Santoro (nella foto) si chiamerà Servizio Pubblico e non Comizi d’amore. Che ci potesse essere un ripensamento sul nome, l’ex conduttore di Annozero l’aveva fatto capire qualche settimana fa. Altri indizi erano legati al fatto che sia l’associazione che raccoglie i contributi per la trasmissione, sia la pagina Facebook ufficiale si chiamano, appunto, Servizio Pubblico. Intanto Santoro e il suo staff hanno resi noti i dati relativi alle sottoscrizioni degli utenti. Hanno ormai raggiunto quota 900mila euro: una cifra che nemmeno il giornalista e i suoi collaboratori si aspettavano di toccare a poco più di una settimana dalla partenza del nuovo programma. Sul sito dell’associazione www.serviziopubblico.it sono presenti tutte le indicazioni per chi vuole contribuire economicamente al programma. E intanto anche su Facebook i fans sono numerosissimi: hanno raggiunto quota 80mila. Ma è un numero che crescerà notevolmente dal 3 novembre in poi. Basti pensare che la pagina ufficiale di Annozero, che è rimasta attiva, conta oltre mezzo milioni di utenti.

Ieri, intervenendo a Radio 24, Michele Santoro ha parlato della sua personale battaglia per la libertà d’informazione nel nostro paese. Una battaglia in cui l’ex europarlamentare vorrebbe essere seguito dai colleghi. “Io posso ribellarmi a condizionamenti che tutti i giornalisti subiscono – ha detto Santoro. – Mi posso permettere, grazie alla mia popolarità e alla mia, di affrontare un’avventura diversa. Io ci provo a forzare una situazione che tutti conoscono, che non ci lascia esprimere liberamente. Faccio questo anche per gli altri – ha aggiunto l’ex conduttore di Annozero – anche quelli che accettano questa situazione”.

Sull’uso delle intercettazioni telefoniche: “Sarebbero uno sputtanamento? Dopo aver visto Angela Merkel e Nicolas Sarkozy che sghignazzavano stiamo ancora a parlare di sputtanamenti? Mi pare chiaro – ha aggiunto Santoro – che siamo abbastanza sputtanati a livello mondiale”.

Ma dove guardare Servizio Pubblico? Delle tv che lo trasmetteranno abbiamo parlato in un articolo di qualche giorno fa. Quanto ai siti che faranno lo streaming, ci saranno: quello de Il Fatto Quotidiano, del Corriere della sera e de la Repubblica.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

One Comment

  1. Alfredo

    ottobre 25, 2011 at 15:29

    Ed in Sicilia Servizio pubblico verrà trasmesso da Antenna Sicilia dal prossimo novembre sia in analogico che sul digitale terrestre.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *