Star Academy flop: Raidue gli concede un’altra possibilità, anzi due!

By on
Francesco Facchinetti conduttore

Su Star Academy si scatena l’accanimento terapeutico: nonostante gli ascolti bassissimi riportati dalle prime due puntate del fallimentare talent show di Raidue, la trasmissione condotta da Francesco Facchinetti pare avrà un’altra possibilità. Anzi due:  il programma andrà in onda sicuramente la prossima settimana e anche in quella successiva, con la riserva di fare delle valutazioni in base all’ascolto della terza puntata. Francamente ci pare assurdo voler proseguire l’agonia di un talent che ha la vivacità di un cimitero di notte, uno stuolo di concorrenti così stonato che il pubblico in studio dovrebbe portarsi da casa le pentole e i tamburi come ai tempi de “La corrida” e un quartetto di giudici inguardabile, se si eccettua la vulcanica Ornella Vanoni che da sola vale il prezzo del biglietto e in qualche modo può considerarsi l’erede di Mara Maionchi. Chissà che Maria non ci faccia il pensierino e si porti anche lei ad Amici il prossimo, vista la sua sensibilità per le signore di una certà età senza peli sulla lingua. Oggi intanto ci godremo la seconda puntata di Sabato Academy in onda su Raidue alle 15.40, nella quale verrà fatto un riassunto della serata di giovedì per chi se la fosse persa, ma dubito fortemente che quaranta milioni di persone abbiano questa impellenza. Per la cronaca, la puntata è stata registrata fino alla mezzanotte di ieri sera. Quindi se vedrete dei volti assonnati tra il pubblico o le palpebre di Daniele Battaglia socchiudersi sappiate che non è colpa di una pennichella saltata. Anche se mi chiedo che senso abbia realizzare un secondo appuntamento di Sabato Academy dopo il lillipuziano ascolto della prima, ovvero il 2,17% di share. Roba da farsi superare da una televendita di copriwater usa e getta su Qvc!

Mai come quest’anno tuttavia l’offerta televisiva della generalista – soprattutto della Rai – è stata interessata da un fuggi-fuggi dei telespettatori:  nessuno per esempio ha voluto sapere quale fosse Il segreto dell’acqua di Riccardo Scamarcio (forse che è un liquido incolore e bagnato?), Pino Insegno ha chiuso Me lo dicono tutti dopo sole due puntate, un varietà che l’anno scorso di sabato sera veniva puntualmente asfaltato da Maria De Filippi: ma quando un programma piace al direttore di Raiuno non c’è Auditel che tenga, pensate che vuole far tornare Ora … ci vorrebbe un amico con Lorella Cuccarini dopo l’11% dello scorso primo luglio. La stessa conduttrice ha detto che si è trattato di un ascolto disastroso, ma per Mazza questo è secondario. L’importante che piaccia a lui così si guarda il programma in prima fila. Con una Raiuno in emorragia, nemmeno il bollettino medico di Canale 5 è così confortante: nonostante lo strombazzamento e le accuse di plagio, Baila! è un disastro. Lo scorso lunedì Barbarella ha dimezzato la platea di gente che ha visto la premiere (da 4 milioni a 2), sprofondando al 10% di share, un dato da far fare i salti di gioia a Milly Carlucci sulla pancia di Paolo Belli.  Maria Carmela però aveva l’alibi di scontrarsi con Quarto grado che annunciava in diretta l’assoluzione della Knox. E se Amanda è libera su Rete4, nella stessa sera sul canale accanto c’è Albano tra i giudici.

Alla luce di questi ascolti apocalittici pare dunque chiedersi per quale motivo Raidue abbia deciso di concedere addirittura due possibilità- forse di lunedì o martedì – al suo flop all’occhiello.

About Marcello Filograsso

Studia Giornalismo all'Università degli Studi di Bari e ha esperienza come blogger e addetto stampa di un giovane politico della sua città. Il suo primo amore è la televisione, soprattutto per le serie tv americane come le sitcom "Will & Grace", "Modern Family" e "Tutto in famiglia". Ha la passione per il canto - che sfoga solo al karaoke - e segue con molto interesse i talent show come "X Factor", da quest'anno su Sky. Ama leggere quotidiani, settimanali e libri che parlano di televisione. Il suo modello di critico televisivo è Aldo Grasso. Il suo ambizioso sogno è condurre il Festival di Sanremo.
Articolo aggiornato il

2 Comments

  1. Nicolò D'Agostino

    ottobre 8, 2011 at 18:17

    Ma quanto sono forti “I poteri forti” in Italia ? Sono tanto forti da fare infossare la RAI in una trasmissione che più va avanti più si infossa. Non sono bastati i risultati delle prime due puntate. Non sono bastati gli spazi pubblicitari occupati per fare pubblictà alla trasmissione.Non è bastato l’invito al salvatore della patria Baglioni (quanto è costata la sua partecipazione?).La RAI è pubblica e deve fare delle scelte per il pubblico non per “gli amici di merenda” che soffrono “d’ingordigia sociale”.

  2. MARIA PAOLA

    ottobre 8, 2011 at 21:56

    basta non vedete che non va bene?perchè sprecare ancora soldi degli italiani ?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *