Stasera in tv: c’è Gomorra sulla Rai

By on ottobre 14, 2011
Gomorra

text-align: center”>Gomorra

Stasera in tv, su Rai Tre, alle 21,05 c’è il film Gomorra. Prodotta nel 2008 dalla Fandando e dalla Rai e diretta da Matteo Garrone, la pellicola è basata sull’omonimo romanzo di Roberto Saviano. Il libro è uno dei più venduti in assoluto nel terzo millennio e in Italia, per diverse settimane, è stato in testa alle classifiche. E’ con quest’ora che il giornalista campano si è posto all’attenzione del grande pubblico. Al pari del libro, il film è stato un grande successo, sia di critica, che di pubblico. I premi e i riconoscimenti ottenuti in questi anni non si contano.

La pellicola è il racconto dell’impero economico della camorra, ma è soprattutto un’analisi sociologica e antropologica della malavita campana. La trama è articolata su quattro storie che vanno ad intrecciarsi. C’è Pasquale, un sarto che lavora per l’alta moda. Lavora “rigorosamente” in nero e l’imprenditore da cui è sfruttato è a sua volta ricattato dagli strozzini.

Ci sono Totò, don Ciro e Maria che vivono a Scampìa, quartiere noto per l’enorme traffico di droga che vi avviene. Una zona di Napoli in mano alla criminalità organizzata, anche se questa è spaccata e le vendette non si contano.

C’è la storia di Franco e Roberto. Il primo è un imprenditore che lavora allo smaltimento dei rifiuti tossici. Roberto propone ai proprietari delle industrie del Settentrione lo smaltimento dei loro rifiuti a costi molto ridotti e garantisce tutte le certificazioni in regola. Gli industriali accettano, ben sapendo che l’attività è illecita e dannosa per il territorio. Roberto è un giovane tecnico che viene assunto dall’azienda di Franco e che sceglie dei luoghi in cui gettare i rifiuti velenosi.

E infine ci sono Marco e Ciro, due giovani delinquenti che rubano droga e armi e dunque e che dunque si fanno molti nemici tra i malavitosi.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *