Stasera in tv Quarto Grado su caso Meredith, Amanda e Sollecito

By on ottobre 3, 2011
salvo sottile

text-align: justify”>salvo sottileE’ atteso per stasera il verdetto sull’omicidio di Meredith Kercher, la studentessa universitaria inglese uccisa la notte di Halloween 4 anni fa a Perugia. Per l’atroce delitto è già finito in galera Rudy Guede, giudicato con rito abbreviato e condannato a 16 anni di prigione. Gli altri due indagati (e condannati in primo grado a 25 e 26 anni di galera) sono Amanda Knox e Raffaele Sollecito. Gli ex fidanzati si sono sempre proclamati estranei all’omicidio della studentessa inglese. Amanda e Raffaele lo hanno ribadito anche oggi in aula.

Non ho mai fatto del male a nessuno – ha dichiarato l’ex fidanzato della Knox. – Sono quattro anni che porto questo bracciale con su scritto ‘Amanda e Raffaele liberi’, oggi è arrivato il momento di toglierlo. In questo bracciale sono racchiuse molte emozioni. Oggi voglio fare un omaggio alla Corte: è arrivato il momento di toglierlo. Desidero nuove speranze, voglio un nuovo futuro e penso che lo meritiamo”.

Ferma la difesa dell’americana: “Io non ero non ero casa, ero da Raffaele. Se fossi stata in quella casa sarei morta anch’io, insieme a Meredith. Non ho ucciso – ha aggiunto Amanda – non ho violentato, io non ero presente a quel crimine. Sono stata manipolata. Non voglio venire privata della mia vita e del mio futuro per qualcosa che non ho commesso. Io sono innocente”. La Knox ha anche affermato che la sua fiducia nella polizia italiania è caduta.

Il delitto di Perugia sin dall’inizio, oltre a essere un caso giudiziario, è stato un caso diplomatico (per via del coinvolgimento di una benestante cittadina statunitense) e naturalmente mediatico. Lo testimonia anche il fatto che oggi nella città dell’efferato crimine ci sono circa 400 giornalisti, molti dei quali stranieri. Alla sentenza della Corte d’Assise sarà dedicata l’intera puntata di Quarto Grado, programma che della vicenda si è spesso occupato. L’edizione straordinaria della trasmissione condotta da Salvo Sottile (nella foto) andrà in onda alle 21,10 su Rete Quattro. La sentenza dei giudici potrebbe arrivare proprio durante la diretta.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

2 Comments

  1. stefania

    ottobre 3, 2011 at 22:20

    i giudici hanno avuto paura degli americani. che vergogna sono loro gli assassini. spero che discenda presto la giustizia di dio. su di loro e su di chi diffende il crimine. lo disse anche Gesu beato chi ha sete di giustizia perchè verrà assettato. ITALIA FAI SCHIFO

  2. rita

    ottobre 3, 2011 at 22:34

    povera Meredith e poveri i famigliari. mi dispiace che quei 2 assassini siano stati assolti. ci sono tantissime prove che inchiodano quei 2 assassini a partire anche dalle bugie che raccontavano.SI E’ VERAMENTE VERO I GIUDICI HANNO AVUTO PAURA DEGLI AMERICANI.IN ITALIA NON C’E’NE GIUSTIZIA NE LEGGE. va bè Meredith sarà in paradiso e i colpevoli vivranno nella terra da esseri umani dannati e maledetti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *