Vasco Rossi fa chiudere Nonciclopedia, navigatori infuriati

By on ottobre 3, 2011
vasco rossi

text-align: justify”>vasco rossiMa non è quello che canta e parla della libertà? Non è quello che si scaglia contro il conformismo? Non è quello a favore della critica del potere? Vasco Rossi (nella foto) sarà anche tutto questo, ma guai a toccare proprio lui. Il cantante di Zocca si è comportato come il più reazionario dei politici denunciando per diffamazione il sito Nonciclopedia, una sorta di versione satirica di Wikipedia. Secondo la ricostruzione fatta da Repubblica, il rocker – assistito dai suoi legali – avrebbe presentato denuncia nel febbraio 2010 per la pagina a lui dedicata. A nulla sono valse le spiegazioni fornite dagli amministratori di Nonciclopedia. Al più famoso rocker italiano non importa che lo stile del sito sia dissacrante con qualunque personaggio famoso (compreso l’attuale papa). Con Vasco, scherzare non si può. In questo periodo, poi, il cantante sembra particolarmente nervoso. Più volte, in questi mesi, si è scagliato contro i giornalisti che criticavano il suo continuo pubblicare video (ops, “clippini”) su Facebook.

La notizia della chiusura di Nonciclopedia ha subito fatto il giro della rete. Inizialmente si pensava a una simpatica bufala diffusa dal sito stesso. Ben presto si è capito che il Vasco versione censore esiste e lotta in mezzo a noi. La sua pagina ufficiale su Facebook è stata letteralmente presa d’assalto. L’ultimo post, pur non avendo nulla a che fare con l’oscuramento del sito satirico deciso dal tribunale, conta già 7mila commenti. Un numero abnorme, ben superiore rispetto a quello fatto registrare quando lo stesso cantante era in ospedale.

La maggior parte dei messaggi va in una sola direzione: la denuncia di Blasco viene ritenuta inaccettabile, un controsenso, una esagerazione, una “vergogna”. Fans e detrattori si chiedono perché Vasco abbia fatto chiudere un sito molto apprezzato. Alcuni, ironicamente, gli domandano se denuncerà anche chi nei commenti lo critica aspramente. A onor di cronaca, c’è anche chi sostiene che il cantante ha fatto bene a denunciare Nonciclopedia e la polemica che è nata conferma ancora una volta la straordinarietà del personaggio. Che ne pensano i nostri lettori?

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

4 Comments

  1. Luca

    ottobre 3, 2011 at 14:49

    E’ a dir poco SCANDALOSO.

  2. Luca

    ottobre 3, 2011 at 15:29

    Su FB è stata creata una pagina per salvare il sito: https://www.facebook.com/pages/Salviamo-Nonciclopedia/184467271628684

  3. MAXXROMA

    ottobre 4, 2011 at 11:47

    Bhè lo hanno creato i suoi fans un mostro del genere. Nella vita di tutti i giorni un personaggio come lui, dedito ad eccessi, trasandato come si presenta, non avrebbe alcun successo. Peraltro l’essere eccessivo nella sua vita, abusando di alcol e quant’altro, senza neppure una voce particolarmente bella lo hanno fatto divenir il mostro che è, Da bravo comunista poi come si suol dire tutto è di tuttio ma non la mia bicicletta.

  4. Megaman5

    ottobre 5, 2011 at 01:40

    Ma come si fa a lasciar ‘sto vecchio sbronzo ancora in circolazione…ma portatelo a S. Patrignano o all’Anonima Alcolisti! Personalmente uno che ha dichiarato antipatia per i meridionali (in particolare, per i napoletani) è ufficialmente nella mia lista delle persone da prendere a sampietrini sulle tempie.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *