X Factor e Amici più “british” fanno rivivere il genere talent show!

By on ottobre 23, 2011

I talent show sembrano apparentemente morti. E’ il nuovo “tormentone” di questa stagione televisiva e i già detrattori del genere ne esaltano con vigore le affermazioni. Personalmente credo sia parzialmente vero e se ci troviamo abbastanza oggettivamente dinnanzi ad una crisi della tv generalista e forse scorretto dare per “spacciato” il genere del talent. Ad essere respinto dal pubblico è quel talent show fatto tipicamente all’italiana dove non spiccano originalità ed emozioni. Ho sempre sostenuto che non basta mostrare i talenti e farli esibire eccezionalmente; il telespettatore deve sentirsi partecipe della cerimonia liturgica che avviene davanti al piccolo schermo e deve potere emozionarsi vivendo in parallelo la vita dei protagonisti che stanno per coronare i loro sogni di gloria. Lo stesso “X Factor“, quando andava in onda sulle reti Rai, mancava di quell’appeal in più proprio perchè tendeva a non esaltare il vissuto dei protagonisti e lo stesso “Amici” di Maria De Filippi (forse per emulare un pò l’effetto “X Factor” e per respingere le critiche di chi lo definiva più reality e meno talent?!?) quando si è appiattito sulla formula del “mostriamo i talenti & basta” ha perso telespettatori per strada. Il pubblico è intelligente e ha bisogno di essere stupito e premia l’originalità; se programmi come “Baila” o “Star Academy” sono stati dei tonfi pazzeschi non c’è da sorprendersi. Il primo non aveva nulla di originale (se non l’avere introdotto il televoto via Facebook!) e lo stesso “Star Academy” è un programma stravecchio che ha chiuso i battenti nel resto del mondo per mancanza di ascolti (e in Italia va in onda? mi verrebbe da dire, che geni..).

Il talent show per piacere ha bisogno di essere “internazionale”, di essere sempre più “british” e se la formula messa in onda da “Italia’s got talent” ha ottenuto chiaramente i consensi del pubblico, ne ha fatto tesoro anche lo stesso “Amici” in questa ultima edizione. Prima di tutti ad averne beneficiato rendendo “spettacolare” il nuovo format in onda su Sky e sempre più simile in tutto e per tutto al programma originale è stato “X Factor“. Emozioni allo stato puro vanno in onda su Sky e il pubblico ha premiato il programma che si è classificato come il più visto della rete, dopo lo spettacolo di Fiorello.

Veloce, incalzante, vivo, è tornato ad essere lo stesso “Amici” che sulla falsariga di “X Factor-versione Sky” ha costruito il suo nuovo successo, ereditando anche quella formula dei giudici tipica di “Italia’s got talent” e che tanto il pubblico ha amato. Sono sempre dell’idea che valga il discorso di come si faccia un programma e dell’originalità che si imprime e questo indipendentemente dal genere televisivo, talent o non talent show!

About Giuseppe Marco

Autore, redattore, giornalista. In una parola "un creativo" della televisione. Si laurea in Scienze della Comunicazione. Al lavoro di analista tv, affianca la frequentazione del Master per autori tv e ha modo di studiare con E. Menduni e C. Freccero. Firma come autore due edizioni dell’Annuario della televisione e in seguito arriva l’esperienza con “Moltomedia”, il laboratorio creativo di Mediaset. Il suo “format crossmediale” viene selezionato dal team Mediaset come uno dei progetti vincitori e inizia il suo percorso di lavoro come autore, che porterà alla realizzazione di un prototipo del progetto. Attualmente lavora in trasmissioni televisive delle reti Mediaset.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *