X-factor stravince su Sky, è il programma più visto dell’anno

By on ottobre 21, 2011
x-factor 2011 la giuria composta da Arisa, Simona ventura, Elio e Morgan

text-align: justify”>x-factor 2011 la giuria composta da Arisa, Simona ventura, Elio e Morgan

X-Factor ce l’ha fatta. Ha superato la prova del 9, vincendo – anzi, stravincendo – la corsa all’auditel e superando alla grande ogni aspettativa che quelli di Sky avevano previsto. Il talent musicale bocciato dalla Rai per mancanza di ascolti e costi elevati – dicono – e comprato poi dalla piattaforma di Murdoch ha tenuto incollati davanti allo schermo 520mila spettatori “lineari” nella puntata di esordio andata in onda ieri sera, mentre gli spettatori unici sono stati 1.066.000 con un indice di permanenza nella visione del programma di poco superiore al 50%. I telespettatori non si sono fatti intimidire dalle due ore di durata del programma, che all’esordio non era ancora una vera e propria gara, ma un mixage di provini in quel di Trento. Per Sky si tratta del miglior risultato d’audience dell’anno e del secondo migliore risultato di sempre dopo le due puntate del Fiorello show e subito prima dei due programmi di Corrado Guzzanti andati rispettivamente in onda ad aprile e lo scorso mercoledì con oltre 300mila spettatori. Ma come mai tutto questo successo? Proviamo a darne un’idea.

La giuria composta da Simona Ventura, Elio, Morgan e Arisa ha funzionato benissimo. I quattro hanno dimostrato una facile intesa nonostante le differenze che li caratterizzano. Se da una parte Elio e Morgan sono affascinati più dalla particolarità che dalle doti vocali dei candidati, dall’altra la Ventura e Arisa cercano di rientrare nello scopo del programma con maggiore obiettività. Sono state infatti loro i giudici “più severi” di questa puntata che ha intravisto qualche talento e dato l’opportunità a molti di esibirsi sul palco al solo scopo di divertirsi e finire in tv. X-factor quest’anno è più accurato anche nei tagli e nella scelta delle immagini da mandare in onda. Sicuramente più “facile” e ironico, ma anche più affidabile. Il confronto con i partecipanti di Star academy poi è abbastanza evidente. I concorrenti della prima edizione del programma acquistato dalla Rai già bocciato dall’audience si sono dimostrati decisamente molto più scarsi di quelli di X-factor, che ha scelto anche in base alle sensazioni dei giudici e non soltanto all’esibizione. E’ il caso ad esempio di un ragazzo non troppo vivace che si descrive come un personaggio introverso e ombroso e che colpisce per la sua semplicità. In questa puntata non è mancato anche il sensazionalismo e la ricerca della storia strappalacrime. Due sorelle che non si parlano da anni si sono infatti incontrate per caso ai provini. Si esibiscono da sole e i quattro giudici, dopo averne promossa meritatamente solo una, chiedono ad entrambe di presentarsi in coppia alle prossime audizioni di Forlì. Pianti, lacrime, imbarazzo sono stati i protagonisti assoluti di circa un quarto d’ora della trasmissione, e ora l’attesa per l’esibizione del duo si fa sicuramente più appassionante. E’ tra i personaggi più interessanti una sedicenne insicura che sale sul palco cantando una difficile versione di Whole lotta love dei Led Zeppelin. E’ quasi perfetta. Promossa a pieni voti e acclamata da scroscianti applausi sarà sicuramente una delle voci di punta del programma. In tutto questo finora abbastanza inutile la presenza del conduttore Alessandro Cattelan, praticamente assente in studio ma nascosto dietro le quinte ad accogliere e supportare i candidati. Su di lui, per ora, il giudizio è sospeso. Nel complesso, quindi, il programma è iniziato alla grande e promette di rinascere a nuova vita su Sky.

Considerando il diverso numero di abbonati, X-factor riuscirà a raggiungere lo stesso successo del 2009 quando su Rai2 ottenne il record d’ascolti con 3.146.000 di telespettatori e il 14,37% di share?

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *