Ascolti tv: boom per Il più grande spettacolo dopo il week end

By on novembre 22, 2011
Bublè e Fiorello

Iera sera la seconda puntata de Il più grande spettacolo dopo il week end. Il programma di Fiorello, stavolta, è durato decisamente meno. Anche se, a recuperare, ci ha pensato Bruno Vespa. Che prima lo ha intervistato, poi gli ha dedicato una puntata-agiografia. La vigilia dello spettacolo post week end era stata resa vivace dallo scambio di battute fra il conduttore siciliano e Sabina Guzzanti. L’attrice aveva scritto su Twitter che il programma di Rai Uno era proprio noioso. Fiorello aveva risposto che parlava così perché “rosicona” (insomma, chi critica lo showman è necessariamente un invidioso?). La Guzzanti, infine, aveva aumentato la dose.

La puntata di ieri è cominciata con l’esibizione del cantante canadese Michael Bublé. Poi Fiorello ha presentato il primo monologo. Il conduttore parla di politica e sembra rimpiangere i tempi che furono, quando i politici scrivevano da soli i testi comici. La rivalità col Grande Fratello? Non c’è. Lo showman siciliano, dopo avere doppiato il programma di Canale 5 negli ascolti, ha fatto trasmettere per qualche secondo il reality show. Peccato che l’Auditel appiopperà i telespettatori sempre a Rai Uno. Il risultato, come vedremo in seguito, è stupafecente.

La puntata di ieri ha avuto come ospiti anche il gruppo rock dei Coldplay, l’attrice Laura Chiatti e Caparezza. Quest’ultimo è stato valutato dalla “giura di X Factor”. Mai avremmo pensato che Caparezza potesse partecipare, anche se per gioco, a un ‘talent show’. Ma indubbiamente è con Bublé che Fiorello ha dato il meglio di sé. I due si sono trovati a meraviglia, a differenza di quanto accaduto coi Coldplay.

Guardare Fiorello è un po’ come guardare il Festival di Sanremo. Chi lo segue si sente rassicurato. Non pochi hanno definito il suo come un programma “democristiano”. Per altri il bello dello show è proprio la sua semplicità e sobrietà, la sua continuità col passato. Al di là delle definizioni e del fatto che lo show, ovviamente e giustamente, può piacere o meno, gli ascolti sono strepitosi. La seconda puntata ha avuto 12,2 milioni di telespettatori e uno share del 42,6%. Agli altri programmi, Grande Fratello compreso, le briciole (3,8 milioni; 15,7%). Per le casse della Rai, finalmente, una bella boccata d’ossigeno.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

One Comment

  1. flavio reverditi

    novembre 22, 2011 at 13:48

    Finalmente qualcuno che dice chiaramente che il GF ha raccolto solo le briciole. Leggendo altri commenti sull’Auditel di ieri sera (21/11) si parla di un buon risultato del GF!!!??? Il 15,7 % un buon risultato??? ma per favore…… lo so che costa molto dire che i reality ormai sono un fallimento… ma prima o poi qualcuno lo dovrà pur dire….

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *