Ascolti tv e analisi della seconda puntata di Servizio Pubblico

By on novembre 11, 2011
servizio pubblico

text-align: justify”>servizio pubblicoIeri sera è andata in onda la seconda puntata di Servizio Pubblico. Voglio dirlo subito: è stata una grande delusione. Il programma, a tratti, è stato proprio soporifero, evanescente, mellifluo, edulcorato. Le domande scomode sono totalmente sparite. Gianfranco Fini ha potuto parlare liberamente per mezz’ora, spacciandosi per il nuovo che avanza, il moralizzatore. Con tutto il rispetto che il presidente della Camera e leader di Fli merita, ma le sue parole sono poco credibili. Fini ha detto che i privilegi della politica vanno ridotti e il numero dei parlamentari va dimezzato. Si dimentica, il nostro, che lui fa politica da una vita ed è stato parecchio tempo al governo. Nulla o quasi ha fatto per colpire la casta (d’altronde, ne fa parte). Perché dovremmo credere che voglia iniziare adesso, alla soglia dei 60 anni? Questo nessuno, ieri, glielo ha fatto notare. Michele Santoro – incredibile ma vero – sembrava inginocchiato di fronte al presidente della Camera. E lo stesso dicasi delle interviste di Sandro Ruotolo a Ignazio La Russa e a Pierluigi Bersani.

E che dire di Mario Monti? Marco Travaglio non ha perso modo di elogiarlo e lo stesso ha fatto il conduttore. Vero è che ieri ha potuto parlare anche il blogger Claudio Messora, che certo non ha avuto parole tenere verso Mario Monti, uomo assai gradito alle banche e alle multinazionali, nonché a tutti i poteri forti nostrani. Ma il giornalista è stato lasciato parlare per un paio di minuti appena. E, dopo il suo intervento, Santoro ha voluto sminuirlo con una bella dose di qualunquismo: “Non credo a questa storia dei complotti”. Ora, non si capisce quando Messora avrebbe parlato di complotti. Il blogger ha semplicemente spiegato che le politiche che Mario Monti farà, se diventerà capo del governo, saranno in linea con quelle che piacciono alle grandi banche e alle multinazionali. Quelle, cioè, che hanno pilotato questa crisi. Quelle per le quali Monti ha sempre lavorato, anche tramite organismi che di trasparente e democratico non hanno praticamente nulla.

Per quanto riguarda i dati di ascolto della trasmissione, quelli ufficiali sono appena stati diffusi. La prima puntata di Servizio Pubblico è stata vista da 2,8 milioni di persone in tv e, mediamente, da 300mila sul web. La seconda puntata, quella cioè di ieri, ha avuto 2,6 milioni di telespettatori, a cui però vanno sommati tutti gli utenti on line.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

5 Comments

  1. Marco

    novembre 11, 2011 at 14:55

    Penso che lei non abbia visto o ascoltato la trasmissione. Ne santoro ne tanto meno Travaglio ha elogiato Monti. Travaglio ha addirittura detto di essere assolutamente contrario ad un Governo tecnico.
    Spero che la legge abbia visto il programma e tragga le conclusioni adeguate sul Suo commento alla trasmissione.
    Buonasera.

  2. Andrea

    novembre 11, 2011 at 14:57

    Travaglio ha elogiato Monti? Mi scusi, ma che trasmissione ha visto?

  3. Francesco Udin

    novembre 11, 2011 at 15:11

    Credo che l’analisi fatta da questa persona, è l’analisi fatta da una persona che non ha visto neanche 1 minuto della puntata.

    Uno dei migliori approfondimenti di attualità politca degli ultimi 20 anni. Neanche paragonabile ad Annozero.

    Complimenti vivi e sinceri a Santoro e alla sua squadra.

  4. Giorgio

    novembre 11, 2011 at 15:14

    🙂 La sua immagine di Santoro inginocchiato di fronte ad un Fini (seduto) ricorda la migliore Lewinsky: spero sia stata involontaria. Francamente comprendo si possa nutrire antipatia verso Santoro o soci, e probabilmente trovando soporifero il programma non escludo si sia addormentato, ma Travaglio che elogia Monti, sopratutto quando dopo le parole di Travaglio il “sondaggio” su Facebook vedeva proprio la gente favorevole al governo tecnico sparire, non si può sentire tantomeno leggere. Mi accodo: ci mette il link della trasmissione che ha visto? Cordialmente…

  5. giorgio penato

    novembre 11, 2011 at 16:43

    la puntata di ieri è stata molto bella, magari un 5 minuti in più a byoblu sarebbe stato meglio, per il resto questo format era molto più interessante. Su monti ora che ne ha parlato messora la gente sa che deve informarsi, il risultato del sondaggio lo ha chiaramente dimostrato, il messaggio è passato.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *