Fabrizio Biggio, dall’ esordio con ‘La zanzara in classe’ al successo con I soliti Idioti

By on novembre 23, 2011
I soliti idioti

text-align: justify”>Foto Fabrizio Biggio I soliti IdiotiHa incassato più di 10 milioni di euro in tre settimane di programmazione e il successo continua ad essere eclatante. Stiamo parlando del film ‘I soliti idioti‘ tratto dall’ omonimo programma che va in onda su Mtv. Un successo inaspettato, che va oltre qualsiasi previsione, segno che agli italiani piace ridere. Non è un caso, infatti, che il film più visto nella storia del cinema italiano è quello di Checco Zalone che con il suo ‘Che bella giornata‘ ha sorpreso tutti, battendo anche un mostro sacro come La vita è bella di Benigni. I soliti Idioti non può puntare a sostituire Checco, ma il successo che sta ottenendo ne assicura almeno un sequel. Protagonisti assoluti del film sono Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio, che vestono rispettivamente i panni di Ruggero De Ceglie e Gianluca, il figlio. Nella serie televisiva i due attori interpretano tanti altri personaggi, diventati ormai dei veri e propri cult in internet, non è un caso che su Youtube siano tra i più visualizzati. Ma chi è Fabrizio Biggio? Scopriamolo insieme.

Fabrizio nasce il 27 giugno 1974 a Firenze, sua madre è francese mentre suo padre ha origini pugliesi. Nella stessa città trascorre la sua infanzia e successivamente frequente il prestigioso Liceo Classico Michelangelo dove viene rimandato ogni anno a  settembre per poi riuscire a diplomarsi con 39/60. Dopo il diploma decide di iscriversi all’ Accademia di Belle Arti di Bologna, ma non avendo le disponibilità economiche decide di buttarsi nel mondo del lavoro. Il suo primo lavoro è stato quello di tecnico teatrale: Fabrizio era il tecnico di luci e scenografia, un lavoro faticoso che però gli permetteva di mantenersi.

Esordisce in televisione nel 1997 su Canale 10 di proprietà di Cecchi Gori, dove conduce una trasmissione dedicata alla scuola dal titolo ‘La zanzara in classe‘, resta su Canale 10 per tre anni fino a quando nel 2000 non decide di mandare una videocassetta a Mtv che lo selezione per la trasmissione Mad. Il programma seguiva le bizzarre avventure del conduttore Gip in studio e contemporaneamente Francesco Mandelli e Biggio recitavano uno show parallelo fingendo di essere dei semplici spettatori del programma. Il programma fu cancellato nel 2001 a seguito della Mtv Rigeneration. Nello stesso anno Biggio viene selezionato per condurre insieme a Giorgia Surina il programma Select che andava in onda dagli studi di Mtv Uk. Nel 2002 conduce questa volta però dall’ Italia un’ altra edizione del programma affiancato da Paola Maugeri. Sempre nello stesso anno viene scelto per la conduzione del programma estivo Mtv on the beach insieme a Camila Raznovich e Francesco Mandelli. Poi gli viene affidato il programma Mtv Hitlist Italia+, dove vengono proposti i video delle canzoni che hanno venduto di più in Italia. Nel 2004 inizia una stretta collaborazione con Francesco Mandelli che porterà poi alla formazione del duo comico e alla creazione dello sketch show de ‘I soliti Idioti‘. Prima però c’è spazio per un’ altra sit com dal titolo Mtv Bathroom e una parentesi alla radio con il programma Play People. Al cinema prima del boom con I soliti idioti, Fabrizio ha recitato in due cinepanettoni il primo nel 2005 girato a Miami e il secondo l’anno successivo ambientato a New York. Dopo anni passati nel cassetto dei bravi, ma non famosi, sembra essere arrivato il momento giusto per Fabrizio di avere la popolarità che ha sempre meritato.

About Matteo Pagano

Nato a Casarano (Lecce) nel 1990, è il più giovane tra i Redattori. Frequenta nel Salento la Facoltà di Scienze della Comunicazione, si definisce socievole, ironico e simpatico. Non ha peli sulla lingua, non sopporta l'ipocrisia, ama scrivere ed ascoltare musica. La sua passione è esplosa al Liceo quando gestiva un giornalino di classe. Ha collaborato con giornali online di universitari e il suo rapporto con la tv è di amore-odio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *