Michele Santoro, Servizio Pubblico: diretta Lanostratv, 3.a puntata

By on novembre 17, 2011
Michele Santoro

text-align: justify”>Michele SantoroTra pochi minuti la terza puntata di Servizio Pubblico, il programma ideato e condotto da Michele Santoro. Si parlerà di democrazia. La nomina di Mario Monti a presidente del consiglio rappresenta una scelta obbligata, oppure si tratta dell’abnegazione definitiva della politica  e della sovranità popolare rispetto a banche d’affari, multinazionali e potentati vari? Ne parleranno, tra gli altri: il leader dell’IdV, Antonio Di Pietro; l’esponente della Lega Nord e sindaco di Verona Flavio Tosi; l’economista Tito Boeri; il giornalista di Repubblica Federico Rampini. Servizio Pubblico potete seguirlo in diretta testuale sul nostro sito; su quello ufficiale del programma, sul Fatto, sul Corriere e su Repubblica. In tv viene trasmesso sulla piattaforma Sky e sulla rete di emittenti locali che copre l’intero territorio nazionali.

SERVIZIO PUBBLICO, TERZA PUNTATA – DIRETTA TESTUALE

00.13 S. P. finisce qui. Buona notte!

00.10 Vauro: “Ora tutti stanno a parlare di spread…non era meglio quando si parlava di fi*a?”. La cosa migliore di questa puntata sono indubbiamente le vignette.

00.09 Ancora Vauro, che si scaglia contro Bersani, Vespa, Berlusconi…

23.59 Tosi: “Credo che Berlusconi non si ricandi più per fare il premier”.

23.55 Di Pietro: “La mafia è dentro il sistema, si è appropriata delle istituzioni. La mafia è più a Milano, che a Palermo. Il governo Berlusconi è durato molto grazie al voto di scambio. Scilipoti? Ho sbagliato a sceglierlo. Dovrebbero essere i cittadini a scegliere, cosa che non accade con questa legge elettorale”.

23.49 Si parla dei rapporti molto amichevoli tra Renato Schifani, Enrico La Loggia e il boss mafioso Nino Mandalà.

23.44 Sorpresa: c’è Marracash! Almeno qualcuno tra il pubblico si risveglia!

23.35 Ecco le vignette di Vauro: per fortuna!

23.30 Di Pietro: “Non posso sposare il governo Monti senza sapere cosa farà”.

23.28 Puntata da sbadigli. Rimpiangiamo Annozero.

23.22 Ruotolo intervista Casini: “Questo è il governo di Napolitano. Monti non è uomo di parte”. Nota a margine: ma Ruotolo ha ormai smesso di fare inchieste? Fa solo domande comode ai politici?

23.20 Rampini: “Bisogna immaginare una globalizzazione diversa. Il mercato non è una divinità, è sempre stato plasmato dalla politica”.

23.16 Tosi: “O l’Italia fa le riforme o fallisce”.

23.12 Tosi sminuisce la questione del conflitto d’interessi.

23.10 Di Pietro: “C’è un governo pieno di conflitti d’interesse, che sono nascosti…”

23.09 Di Pietro: “Si vada alle elezioni con una nuova legge. Dico noi ai condannati in Parlamento”.

23.07 Dragoni (Sole 24 Ore): “Banca Intesa taglierà 5000 posti”.

23.01 Il disastro di Unicredit…

22.58 Di Pietro: “Il capitalismo è diventato un sistema feudale: senza regole e senza nessun rispetto per la persona”.

22.55 La parola agli operai, sempre più poveri, umiliati e presi in giro dalla politica. Sicura, la casta, che a dovere fare i sacrifici siano loro?

22.45 Di Pietro: “Monti ha parlato dei giovani, ma non c’è un solo ministro con meno di 60 anni…” Va be’, ma in Italia un politico di 60 anni è ancora un neonato…

22.44 Sondaggi su Facebook: per il 93% la nomina di Passera è inopportuna; il 62% ritiene quello di Monti il governo dei poteri forti.

22.40 Boeri: “Il numero di giovani che non lavora, non studia e non cerca lavoro è enorme. L’Università dovrebbe attivare dei trienni davvero professionalizzanti. Il ragazzo dovrebbe studiare e intanto apprendere lavorando. Questa sì che è formazione”.

22.38 Tito Boeri: “Le lobby impediscono le riforme. Si possono fare alcune riforme a costo zero. Le tutele dei precari dovrebbero crescere gradualmente. I contratti a tempo determinato andrebbero pagati molto di più”.

22.30 Ancora Rampini: “La crisi è di tutto l’occidente, è generale e la causa strutturale è stata la dilatazione abnorme delle disuguaglianze sociali. La ricchezza nelle mani di un’oligarchia finanziaria”. Come non essere d’accordo?

22.20 Il giornalista Rampini: “Il salotto buono della banche non aiuta la trasparenza e giustifica l’indignazione”.

22.10 Via al sondaggio su Passera: nomina opportuna o no?

22.05 Travaglio: “Berlusconi di Passera si fida. Intesa ha aiutato Mediaset, Forza Italia, Fininvest”.

22.00 Travaglio è tornato a essere Travaglio dopo una puntata, quella precedente, in cui sembrava un agnellino. Ora sta bastonando Passera, Comunione e Liberazione e Banca Intessa di brutto…

21.58 Travaglio: “Corrado Passera è un ministro campione di conflitti d’interessi”. Il caso Alitalia è proprio scandaloso…

21.50 Marco Travaglio: “La Gelmini ha fatto una nomina last minute, piazzando al Cnr il prof. Ferrara, un 74enne capace di sistemare parenti a non finire all’Università di Napoli. Era questo il merito di cui parlava il ministro?”.

21.42 Tito Boeri: “Metà del debito è in mano agli stranieri e questo è preoccupante. Lo spread si è ridotto di un po’ da quando c’è Monti”.

21.40 Tosi: “No all’Ici sulla prima casa. Bisogna incidere sulle grandi rendite immobiliari”.

21.36 Flavio Tosi: “Con Monti lo spread è ai livelli precedenti. L’Italia ha le stesse possibilità di fallimento di prima. Abbiamo un debito pubblico troppo alto e una crescita bassa. Il problema è cosa si fa, al di là di chi c’è al governo”.

21.32 Di Pietro: “I ministri hanno sempre fatto parte dei poteri forti. Comunque vogliamo vedere il programma. Il ministro dell’ambiente oggi ha detto che vuole fare il nucleare. Non si può cominciare così”.

21.28 Di Pietro: “Scandaloso che i quotidiani se la prendano con gli Italiani che hanno festeggiato. Fa parte della democrazia esultare dopo 17 anni di Berlusconi. L’ex premier ha umiliato questo paese. Monti? Meglio di Berlusconi”.

21.24 Il servizio sulla piazza che festeggia le dimissioni di Berlusconi è clamorosamente lungo. Perché?

21.21 Stracquadanio si rifiuta di parlare con l’inviato di Santoro: “Non ho intenzione di discutere con lei, va bene? Non sono obbligato”

21.18 Servizio sulla gente in piazza che festeggia le dimissioni di Berlusconi.

21.12 Santoro lo dice esplicitamente: “Ci fidiamo, siamo ottimisti, Monti è il miglior idraulico in questo momento”. Insomma, il conduttore di Servizio Pubblico si schiera apertamente in favore del nuovo premier.

21.10 Santoro: “Voglio dire a Monti che milioni di giovani stanno contestando il mercato, che in questi anni ha avuto torto”.

21.06 Michele Santoro: “Ha ragione Sarkozy a dire che Berlusconi è patetico”.

21.05 Si comincia.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

One Comment

  1. gwendy

    novembre 18, 2011 at 01:36

    Ottimo lavoro Gianni … complimentoni !!!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *